Dicembre

Almanacco del 28 dicembre 2014

 

OGGI

Domenica, 28 Dicembre 2014

NASCE

1905: Earl “Fatha” Hines, musicista

MUORE

1923: all’età di 91 anni Alexandre-Gustave Eiffel, 
ingegnere progettista della omonima torre di Parigi

1925: all’età di 30 anni Sergei Esenin, poeta e scrittore

1937: all’età di 62 anni Maurice J. Ravel, compositore

ACCADDE

1065: a Londra apre la “Westminister Abbey” (la Cattedrale di Westminister)

1836: la Spagna riconosce l’indipendenza del Messico

1846: quello dell’ Iowa diventa il ventinovesimo stato dell’Unione Americana

1849: M. Jolly-Bellin scopre accidentalmente il primo smacchiatore

derivato dal petrolio

1869: William Finley Semple, un dentista americano,

brevetta il chewing gum

1885: a Parigi viene proiettato il primo filmato dei fratelli Lumiere.

1895: a Parigi viene inaugurato il primo cinema

1897: a Parigi si rappresenta la Prima assoluta di “Cyrano de Bergerac”,

di Edmond Rostand

1904: pubblicata a Londra la prima rubrica quotidiana dedicata

alle previsioni del tempo

1906: Ecuador adotta la sua costituzione

1973: Alexander Solzhenitsyn pubblica “Arcipelago Gulag”

LA CHIESA RICORDA

Santi

Ss. Innocenti

S. Gaspare del Bufalo, Ss. Castore, Vittore e Roganziano, 
Ss. Cesario e Arabisso, Ss. Romolo e Conindro

Onomastica

Malvina

Inventato dallo scrittore J. Macpherson verso la fine del’700. 
Malvina era uno dei personaggi della sua opera “Canti di Ossian”.

Il nome deriverebbe dalle parole gaeliche maol, “fronte”, e min,

“bella, gentile”,  con il significato di “(donna) dalla bella fronte”. 
Un’altra versione lo farebbe nascere da mal, amica, 
e win, giustizia, con il significato di “Amica della giustizia”

Onomastico

Adespòto: 1 Novembre

PROVERBIO

Per i Santi Innocentini,

son finite le feste e i quattrini

AFORISMA

E che cos’è un bacio?

Un apostrofo rosa fra le parole t’amo,
un segreto detto sulla bocca.

[Edmond Rostand]

IL LINGUAGGIO DEI FIORI

Il significato di Callicarpa è…

– Bellezza duratura

CURIOSITÀ

Lo stato americano dell’Iowa deve il suo nome alla

parola del dialetto Sioux “aiyuwe ” che può significare

sia “essenza” che “zucca”

TEMPO AL TEMPO

TERRA

893 D.C. – un violento terremoto colpisce l’area di Dvin, 
Armenia. Decine di migliaia le vittime.

1828  – nella regione giapponese di Echigo un violento 
terremoto uccide circa 30.000 persone

1908 – un violento terremoto, seguito da una gigantesca ondata d’acqua,
distrugge il 90% degli edifici della città di Messina. 
Il terremoto colpisce anche le coste calabresi. Circa 80.000 le

vittime a Messina,  circa 15.000 in Calabria. Innumerevoli i feriti.

I primi soccorsi arrivarono dalla marina russa presente in zona

con 6 navi, subito seguita da altre 6 navi della marina militare

britannica, solo più tardi arrivò la marina italiana.

Nei giorni successivi anche Francia, Spagna, Germania, Grecia ed

altre nazioni misero a disposizione navi ed equipaggi, anche gli aiuti

economici furono ingenti.  Anche i quel caso la solidarietà, vera,

delle persone intervenute in soccorso, militari e civili, contribuì a

limitare i danni e dare coraggio ai sopravvissuti

UNA FRASE AL GIORNO

Il desiderio della Sapienza, conduce al Regno.

(Sapienza 6,20)

SAPEVATE CHE

Il Labrador è una vasta penisola del Nord America

situata nel Canada orientale.
Grande 1.400.000 Kmq, ha un clima freddo, con scarsa

popolazione che si dedica alla caccia, alla pesca, all’estrazione

di minerali e allo sfruttamento di risorse forestali. 
Forse fu la prima regione del continente americano a essere

toccata dai navigatori europei, i Vikinghi, nel X secolo, molto

prima del viaggio di Colombo.

LATINO USO

Spes ultima dea. 
La speranza è l’ultima dea

Frase latina spesso usata per significare che la speranza è l’ultima

dea che siede al capezzale del morente, con riferimento al mito

greco della dea Speranza che resta tra gli uomini a consolarli,

anche quando tutti gli altri dèi abbandonano la terra per l’Olimpo.

Un detto popolare dice che la speranza è l’ultima a morire, e

Foscolo nei Sepolcri: “. . . . . . . Anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri”.

Guarda anche
Close
Back to top button