Cultura

Iliade Libro Secondo 1

Iliade Libro Secondo 1

Ar Libro Primo serve ‘n complemento:
devi vede’ come piagneva Achille
quanno porta da mamma er suo lamento
carico de rancore a fa’ scintille.

TETI, che come madre, se stravolge,
subbito t’organizza er giusto piano;
e senza un solo induggio se rivolge
a Zeus che ritornava da lontano (1).

Quello mai rinunciava all’occasione
de scatena’ casino tra la gente;
nun c’era ancora la televisione
e fa’ passare er tempo era importante.

Il tempo pe’ li Dei su l’Alta Vetta
l’avevano capito nell’essenza;
a noi ce basta de guarda’ ‘a lancetta
e che ce dice manco ce se penza.

KRONOS è er tempo che vedemo noi
mentre li dei misurano l’AION,
un modo de vedere er prima e er poi
er tempo, inzomma, ch’usa er PANTHEON.

So’ tempi assai diversi tra de loro;
tempi de mondi pure assai lontani:
uno rimasto nell’Età dell’Oro;
l’artro più scarso: quello dell’umani.

Ma esiste SINCRONOS, ch’è n’artro tempo
che a tanti je confonne le coscienze.
Li tempi opposti danno ar Monno scampo
Quanno fanno sorti’ le coincidenze.

Infine c’è KAIROS, quello vitale
Che come tempo dura proprio un gnente,
che forse se rivela er più geniale,
er tempo immenso dell’attimo fuggente.

=====
(1) Zeus co’ l’antri dei dell’Olimpo, era annato a fa’ bisboccia da’’Etiopi che,
ar tempo, erano goderecci, nun erano ancora Copti e se spassavano la vita,
come ce dice Esiodo.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati© 

Back to top button