Cultura

Iliade 3

Iliade 3

Correva l’ultim’anno der conflitto
dei dieci ormai passati a dasse botte;
Achille stava fermo pe’ dispetto,
inzomma era ‘gran scuro, come notte.

Quanno che ‘n sacerdote der dio Apollo
annette pe’ trovare Agamennone,
cor capo ‘n terra, le recchie sott’er collo,
giusto pe’ fajie ‘n po’ de compassione;

Crise de nome e padre d’a pischella,
che l’Atride teneva prigioniera;
de libberalla, quella fijia bella
je presentò, piagnendo la preghiera.

Agamennone che poco ce credeva,
penzanno che l’Olimpo era leggenda,
d’Apollo tanto poco je fotteva
che caccia fora Crise da la tenda.

Crise col dio teneva li rapporti
pe’ ‘na questione sua professionale;
Apollo quanno seppe de ‘sti torti
la cosa la pijò davero male.

Fu li che cominciorno li dolori
e pe’ l’Achei quelli famosi lutti
che se ‘l Pelide nun veniva fori
Apollo li faceva mori’ tutti.

Achille chiama in ballo l’indovino,
Calcante, ch’era noto e assai stimato.
Quello senza paura der casino
D’Agamennon racconta er gran peccato.

Da questo fatto parte tutto quanto
Achille pija d’amaro cor sovrano
Criseide, la pischella bella tanto,
ritorna ar padre e er Re perde la mano.

Perde la mano, ma vole la partita.
“Tu mai levato lo sfizietto mio
Criseide co’ sta storia m’hai sfilata
Briseide, la tua, me la ciuccio io.”

Ecco come s’è svorta poi la storia:
Achille pija la cosa malamente;
era partito pe’ trova’ la gloria
e ‘nvece c’ha da fa’ co’ ‘n prepotente.

Caccia la spada pe’ spaccaije er core
quanno che Atena l’acchiappa pe’ i capelli.
La dea pe’ lui aveva ‘n grande amore
e voleva impedire ‘sti macelli.

Li dei, se sa, comparono ‘mprovvisi,
come da noi l’Arcangeli e li Santi,
Atena lo rabbona da la crisi
Je dice che de doni n’avrà tanti

Come s’è sviluppata la vicenda
Ve l’ho spiegato proprio ai primi versi
Si sopra la ferita nun c’è benda
Poco te fanno tutti li soccorsi.

Agamennon se pija la regazzetta;
Achille ce s’ ‘ncazza fortemente..
Pareva tutt’ar più ‘na barzelletta
La guerra scoppia ancora per un niente.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button