Cultura

Ossimoro e vaccini

Ossimoro e vaccini

Se chiama ossimoro la cotraddizione
Quanno dici che in aria è fermo er vento
Capisci che uno è un gran coijone;
dici: “ Coijone sì, ma de talento”.

L’obbligo che se piega all’esiggenza
de mascherasse per sembrà consijo
me pare l’atto de terribbile violenza,
er gesto amabbile pe’ ammazza’ er conijo.

La poi chiama’ carezza ma l’effetto
Te tronca er collo con un corpo solo
Un modo origginale ch’è perfetto
De sparà baci pe’li tordi, ar volo.

Se sa, ce cogli pure da cecato,
come cavà la cozza da lo scojo
te spari la cartuccia, c’hai mirato,
e becchi come a di’: ‘ndo cojo cojo.

‘nzomma, si ho capito veramente
se tratta in fonno de na cosa sola
a vaccina’ li fij ce va gente,
magari poco, ma ch’è annata a scola.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati© 

Tags
Close