Una gita a ...

Una gita a … Casentino. Il Museo dell’Arte della Lana

Lanificio di Stia, dove il passato rivive

museo_lana_stia

Roma, 28 novembre – Nel precedente articolo in cui vi parlammo del Casentino ci concentrammo sui Monasteri e i boschi sacri di questa valle che si dipana tra Arezzo e Firenze.

Ora, invece, vogliamo raccontarvi di una delle più antiche attività della zona, la lavorazione della lana e in particolar modo del Lanificio di Stia, il paese reso celebre da Pieraccioni, che nella sua splendida piazza girò il suo film più famoso, “Il Ciclone”.

Dalla metà dell’800 agli anni ’50 del ‘900, intorno al Lanificio ruotava tutta l’economia della zona e nei primi anni del ‘900 questo era uno dei più importanti centri della lavorazione della lana d’Italia. Poi, pian piano, il declino e l’abbandono, durato decenni, fino a quando, nel 1996, Pier Luigi della Bordella e Gabriele Grisolini realizzarono il primo nucleo del Museo con la mostra temporanea “Sul filo della lana”.

L’idea piacque e per dare una sede stabile all’esposizione si pensò di recuperare il complesso di edifici dismessi dell’antico Lanificio. Senza stare a raccontare gli ulteriori passaggi, l’opera di recupero andò in porto ed oggi il Museo dell’Arte della Lana è meta imperdibile di chiunque decide di trascorrere alcuni giorni in Casentino. Qui si torna indietro nel tempo e si riscoprono i segreti e i macchinari di una lavorazione antica che dette da vivere a centinaia di persone e famiglie. Attraverso alcuni percorsi sonori appositamente creati, i visitatori possono riascoltare gli antichi e assordanti rumori che rimbombavano negli stanzoni durante la lavorazione, annusare gli odori degli oli di lubrificazione dei macchinari, imparare (provando in prima persona) la manualità di alcuni gesti ticipi dell’arte della lana.

Insomma, la visita al Museo non è solo un percorso noioso tra pannelli e oggetti esposti, ma una vera e proprio esperienza sensoriale che, alla fine, sarete contenti di aver fatto.

Per informazioni su orari e prezzi 0575 582216 – 338 4184121 – info@museodellartedellalana.it

www.museodellartedellalana.it

Back to top button