Una gita a ...

Una gita a …. Monasteri e boschi sacri del Casentino

Un fine settimana da dedicare alla ricerca interiore della sacralità.

santuario-della-verna-nel-casentino.jpg

(santuario-della-verna-nel-casentino)

Roma, 21 novembre – Non sappiamo se conoscete il Casentino, ma se la risposta è no allora è ora che cominciate a conoscerlo.

Il Casentino è quella valle che si dipana da Arezzo a Firenze tra le montagne dell’Appenino tosco-emiliano-romagnolo da una parte e tosco-marchigiano dall’altra.

Qui, nel Medioevo, sono i castelli dei Conti Guidi (gli antichi feudatari di queste terre) come quello, splendido, di Poppi e gli altri di Romena, Castel S.Nicolò e via discorrendo. a qui, in quei secoli che molti definiscono erroneamente “bui”, sono stati edificati anche Monasteri che ancora oggi riescono ad infondere sacralità, rispetto, fede e ammirazione al visitatore.

Pensiamo a quella de La Verna, sorto intorno alla grotta nella quale San Francesco ricevette le stimmate, oppure a quello di Camaldoli, che sorge alcuni metri più in basso del Sacro Eremo, dove ancora oggi sette frati eremiti trascorrono le loro giornate nella meditazione e nello studio, vivendo in celle costruite sull’esempio di quella originaria di San Romualdo, il fondatore dell’ordine.

Una cella ancora oggi visitabile e che è tutta edificata in legno, materiale che in Casentino abbonda, tanto che qui siamo nel pieno del Parco della Foreste Casentinesi, il polmone verde dell’Italia centrale.

La visita guidata al Sacro Eremo è sicuramente tra quelle che possiamo definire “imperdibili” per ciò che concerne la nostra bella Italia.

Al monastero di Camaldoli, invece, una sosta va assolutamente fatta nell’antica farmacia, dove si può acquistare tutto quello che i monaci producono da sempre: tisane, saponi, dolci, caramelle balsaniche per curare i vari fastidi del nostro corpo, liquori e amari e la cioccolata.

Insomma, se avrete un bel fine settimana da trascorrere in serenità e a stretto contatto con la natura, l’arte e la buona cucina (che da queste parti della Toscana si trova ovunque) il Casentino può davvero essere la meta giusta per voi.

Anzi, vi promettiamo fin d’ora di tornarci per raccontarvi un altro aspetto di questa splendida valle dell’Italia. centrale.

Back to top button