Politica

A chi giova, in verità, la Flat Tax

Lussemburgo, 20 agosto 2019 – L’articolo 53 della Costituzione stabilisce due principi fondamentali del Diritto tributario: la capacità contributiva e la progressività dell’imposizione fiscale: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche, in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività” (art 53,diritti e doveri dei cittadini,titolo quarto).
Ciò sta a significare che, per ogni contribuente, l’imposizione diretta dovrebbe aumentare con il crescere del suo reddito. Tale criterio prevede un aumento progressivo dell’onere contributivo per le classi più abbienti, al fine di sostenere le classi sociali in difficoltà, garantendogli servizi sociali essenziali come la pubblica istruzione, l’assistenza sanitaria, la previdenza sociale, etc.
Tali servizi rappresentano infatti i cardini dello Stato sociale italiano, così come avviene del resto in tutti i principali paesi democratici.
Da qui, l’esigenza di prevedere aliquote impositive crescenti da applicare ai redditi individuali accertati. Orbene, prevedere un’unica alíquota di contribuzione (Flat Tax), significherebbe semplicemente ridurre le imposte dirette per i più ricchi, scaricandone l’onere sui contribuenti di basso reddito.
Ciò determinerebbe ovviamente una sperequazione contributiva fra i cittadini, in evidente violazione dei principi costituzionali. Una siffatta tendenza, già peraltro determinata in passato da Governi precedenti, ha già determinato l’assottigliarsi della classe media, con relativo incremento costante del numero di cittadini in stato di povertà.
Per quanto attiene infine alle argomentazioni di alcuni politici favorevoli all’aliquota unica, secondo i quali non verrebbe previsto un aumento impositivo sui redditi minori, va precisato che ciò avrebbe come ineluttabile conseguenza un aumento dell’imposizione indiretta (IVA, accise, tasse su servizi, etc.) che graverebbe inesorabilmente su tutti i consumatori, riducendone ulteriormente il già limitato potere d’acquisto!

 

Tags
Close