Cultura

Bón Feragosto

Sonetto romano

Bón Feragosto
Sonetto romano

E co st’auguri semprici e sinceri
de core ve auguro ‘n bon feragosto,
vicino a li parenti e amichi veri
ar monte, ar lago, ar mare e in ogni posto.

E quanno ch’arzerete li bicchieri
ner tavolo riempito in ogni accosto,
affogate ner vino li penzieri
mentre la brace è pronta pe l’arosto.

Un artra estate vorge ormai ar tramonto
de ‘n anno travajato de disgrazzia,
che cia salato a tutti quanti er conto.

E nun ve preoccupate der carburo
che se la panza oggi sarà sazzia,
ce metteranno a dieta ner futuro !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button