Cultura

Dilemma d’autunno

dagostino dilemma autunno sordi marchese letto

Dilemma d’autunno
 
Me so’ ridotto all’urtimo momento
E ancora nun me so deciso affatto:
M’arzo o me resto a letto e poi me pento,
e, intanto, a apri’ bottega manno er gatto?
 
Tutte le vorte, solita questione;
Li professori lo chioameno dilemma;
Dovemo corre’ de disperazione
O, come dimo noi, famo co’ flemma?
 
Apri’ bottega presto nun è bene
Je fai dispetto all’antri de mattina
Me deve di’ che cosa te ne viene
A ficcaje a la ggente ‘st’artra spina.
 
S’apri er negozzio tardi, solo un’ora,
ce guadagni in stima pubblica e rispetto.
Prima de fa’ la spesa e d’esci’ fora,
l’antri se fanno n’antra oretta a letto.
 
© Francesco.D’Agostino©diritti riservati© 
Guarda anche
Close
Back to top button