Tematiche etico-sociali

Paolo VI proclamato beato da Papa Francesco che chiude il Sinodo: ‘Non avere paura delle novità’

Il Papa emerito Benedetto XVI concelebra con Francesco la messa di beatificazione di Paolo VI, che lo creò cardinale nel 1977. Migliaia i fedeli in piazza

Roma, 19 ottobre – (ansa) Circa 70 mila le persone che hanno assistito alla messa celebrata in Piazza San Pietro da papa Francesco per la chiusura del Sinodo straordinario sulla famiglia e per la beatificazione di Paolo VI.  La festa del nuovo beato sarà il 26 settembre di ogni anno, data di nascita di Giovanni Battista Montini. Dopo la rituale “domanda” di beatificazione formulata dal vescovo di Brescia mons. Luciano Monari, e dopo la biografia di Paolo VI letta dal postulatore della causa, padre Antonio Marrazzo, papa Francesco ha pronunciato la formula ufficiale, in latino: “Noi, accogliendo il desiderio del Nostro Fratello Luciano Monari, Vescovo di Brescia, di molti altri Fratelli nell’Episcopato e di molti fedeli, dopo aver avuto il parere della Congregazione delle Cause dei Santi, con la Nostra Autorità Apostolica concediamo che il Venerabile Servo di Dio Paolo VI, papa, d’ora in poi sia chiamato Beato e che si possa celebrare la sua festa, nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto, ogni anno il 26 settembre. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

“Non bisogna avere paura e delle novità, delle sorprese di Dio” ha affermato papa Francesco nell’omelia della messa con cui chiude il Sinodo dei Vescovi sulla famiglia e celebra la beatificazione di Paolo VI. E bisogna riconoscere, “di fronte a qualunque tipo di potere”, che “Dio solo è il signore dell’uomo, e non c’è alcun altro”. Commentando “una delle frasi più celebri di tutto il Vangelo” – “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio” – papa Francesco la definisce una “frase ironica e geniale” detta da Gesù ai farisei, “una risposta ad effetto che il Signore consegna a tutti coloro che si pongono problemi di coscienza, soprattutto quando entrano in gioco le loro convenienze, le loro ricchezze, il loro prestigio, il loro potere e la loro fama. E questo succede in ogni tempo, da sempre”. Secondo Bergoglio, “l’accento di Gesù ricade certamente sulla seconda parte della frase: ‘E (rendete) a Dio quello che è di Dio’. Questo significa riconoscere e professare – di fronte a qualunque tipo di potere – che Dio solo è il Signore dell’uomo, e non c’è alcun altro. Questa è la novità perenne da riscoprire ogni giorno, vincendo il timore che spesso proviamo di fronte alle sorprese di Dio”. “Lui non ha paura delle novità! – ha proseguito – Per questo, continuamente ci sorprende, aprendoci e conducendoci a vie impensate. Lui ci rinnova, cioè ci fa ‘nuovi’ continuamente. Un cristiano che vive il Vangelo è ‘la novità di Dio’ nella Chiesa e nel Mondo. E Dio ama tanto questa ‘novità’! ‘Dare a Dio quello che è di Dio’, significa aprirsi alla Sua volontà e dedicare a Lui la nostra vita e cooperare al suo Regno di misericordia, di amore e di pace”. Per il Pontefice, “è per questo che il cristiano guarda alla realtà futura, quella di Dio, per vivere pienamente la vita – con i piedi ben piantati sulla terra – e rispondere, con coraggio, alle innumerevoli sfide nuove”.

Alla liturgia, nella prima fila a fianco dei cardinali, presente il Papa emerito Benedetto XVI, che Bergoglio è andato subito a salutare con una calorosa stretta di entrambe le mani. Fu proprio Paolo VI, nel 1977, a nominare Joseph Ratzinger arcivescovo di Monaco e Frisinga e a crearlo cardinale. Presenti in Piazza San Pietro anche gli altri due cardinali ancora viventi nominati da Paolo VI: il brasiliano Paulo Evaristo Arns e l’americano William Wakefield Baum. Concelebrano inoltre la liturgia con papa Francesco il card. Peter Erdo, relatore generale del Sinodo, mons. Luciano Monari, vescovo di Brescia, i cardinali Giovanni Battista Re, prefetto emerito della Congregazione per i Vescovi, Angelo Scola, arcivescovo di Milano, Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma, André Vingt-Trois, arcivescovo di Parigi e presidente delegato al Sinodo, Raymundo Damasceno Assis, arcivescovo di Aparecida e presidente delegato al Sinodo, Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila e anch’egli presidente delegato al Sinodo, Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo, e mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto e segretario speciale del Sinodo. Insieme a loro concelebrano i cardinali, i vescovi e i sacerdoti presenti. La messa, presieduta dal Pontefice sul sagrato di San Pietro dinanzi a decine di migliaia di fedeli, è trasmessa in diretta a Milano, l’ex arcidiocesi di Montini, su un megaschermo nella Galleria.

 

Back to top button