Tematiche etico-sociali

OMAGGIO A MARIA PERRONE POLICICCHIO

Maria Perrone Policicchio non c’è più.
Policicchio
(Maria Perrone Policicchio)

Se n’è andata in punta di piedi, un pomeriggio di questa torrida estate romana, col garbo, la riservatezza, la discrezione della gentildonna di antico stampo che è sempre stata.
Lascia nei figli il ricordo affettuoso e il patrimonio preziosissimo di valori e principi che ha trasmesso loro con amore e generosità, e in tutti noi un vuoto incolmabile.
All’indomani della sua dipartita noi, redattori e lettori de “L’Attualità”, che col nostro direttore ci stringiamo alla famiglia con affetto, siamo più soli, orfani della prestigiosa rubrica “Controcorrente” che era il fiore all’occhiello del giornale. E il suo ultimo cruccio, al momento del ricovero in clinica, è stato quello di non essere riuscita a completare il pezzo per il numero di settembre.
Era una signora di grande cultura e umanità, che condivideva con gli amici e quanti le erano cari con generosità ed entusiasmo.
Donna di grande temperamento, oltre che una penna agile e versatile che ne faceva una giornalista attenta del nostro giornale e una scrittrice sopraffina, tra i tanti libri che ha scritto ci ha lasciato autentiche perle. Basti ricordare, tra gli altri, “Il nome della giustizia”, in cui, addentrandosi negli impervi e tortuosi sentieri della nostra giustizia, ne ha denunciato le pecche, le falle e le farraginosità che ne fanno una speranza delusa e disattesa, e ancora “Giuseppe Maria Perrone tra l’essere e l’apparire”, commovente omaggio al fratello che fu uno dei più prestigiosi press agent cinematografici di statura internazionale.
Non potrò mai dimenticare l’affettuosa, costante presenza di Maria nella mia vita tre anni fa, quando la mia patologia oncologica mi ha fatto conoscere una parte di umanità che mi ha profondamente deluso. Ho scoperto che molti “amici” si sono allontanati da me, “evaporando” nel più assordante dei silenzi, forse per il terrore di quel male che coraggiosamente ho sempre chiamato cancro, sin dal momento che mi fu diagnosticato.
Maria era lontana da queste meschinità. Ha saputo essermi vicina con generosità e discrezione, trovando parole giuste e mai esagerate, che portassero un po’ di serenità alla mia vita devastata dalla vicenda cancerosa. E i suoi frequenti inviti nella villa di Fregene hanno alleviato non di poco il duro periodo dell’intervento e della chemioterapia.
Il dialogo con Maria mi lasciava sempre arricchita. Di fronte al mare di Fregene, con in mano un Martini ghiacciato guarnito da un’oliva, guardando il tramonto affrontavamo le tematiche più svariate, dai “massimi sistemi” alla politica, l’attualità, le nostre vite private.
E a volte, entrambe credenti, affascinate dal mistero che l’avvolge, abbiamo affrontato l’argomento del “dopo”, del grande salto nell’ignoto che si fa nel momento che la vita vola via dal corpo.
Ora, Maria, tu sai.
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button
Close