Tematiche etico-sociali

Lutto nella redazione de “L’attualità” per il decesso di Mario Barbini

Veltri_salvemini_diluzio_barbiniC iao Mario

Sei riuscito a sorprenderci anche nel tuo ultimo giorno, la sera del nove luglio, in una Roma stretta nella morsa rovente di Minosse e alle prese con le imminenti vacanze, i problemi dello spread che sale e l’euro che scende, la precarietà del lavoro e tutti i disservizi di una città e di un Paese che ti hanno angustiato fino alla fine. Sei riuscito a sorprenderci perché la tua morte è stata repentina, inaspettata, e ti ha rapito mentre eri nel pieno della tua attività di indignato e ap passionato censore dei disguidi del sistema Paese. E se una consolazione c’è a questa dipartita così brusca, è che essa ti ha colto VIVO, appassionato di tutte le cause che sostenevi con fervore ed entusiasmo, profondendovi le tue energie e le tue intelligenti proposte.

È difficile parlare di Mario Barbini, la penna si ferma e si inceppa, è tanta l’emozione per aver perso l’amico, il guerriero indomito che solo un mese fa aveva tenuto il suo ultimo convegno intitolato “La ragione e il coraggio”, quella ragione e quel coraggio che, come fari, lo hanno sempre illuminato nell’intercettare mali e rimedi del nostro Paese.

Noi amici ci stringiamo alla famiglia in un abbraccio affettuoso, e non ci capacitiamo del fatto che da oggi siamo tutti più soli, perché non c’è più Mario che aveva sempre una parola per tutti, che era un trascinatore con la sua incontenibile energia, che con il suo entusiasmo contagiava quanti entravano in contatto con lui.

Era una colonna portante de “L’Attualità”, coi suoi articoli pungenti , scritti infilzando la penna nelle realtà più scomode e difficili.

Se n’è andato in punta di piedi, coerentemente con la sua indole riservata, lasciando un vuoto abissale in tutti noi che lo abbiamo stimato e gli abbiamo voluto bene, figli, nipoti, parenti e amici, ma proprio per questo continuerà a vivere e a rifulgere come luminosa lampada votiva dentro di noi.

Ciao Mario, ti sia lieve la terra, e dolce il riposo..

(foto di Valero Valeri)

{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button