Politica

alla difesa della francia di sarkozy si oppongono i falsi benefattori del vaticano

Dopo averlo detto, a differenza dell’Italia dove si parla al vento, Sarkozy lo ha fatto: fuori i clandestini ed i delinquenti stranieri!
espulsioni_francia

Il Presidente Francese Nicolas Sarkozy, dopo averlo annunciato, sta mantenendo la parola: fuori dal suolo Nazionale Francese i cittadini rom irregolari o riconosciuti colpevoli di reati e, dalle prime stime, saranno circa 700 le persone ritenute aventi i requisiti negativi per dover essere rimpatriate.
I primi a reclamare, la Bulgaria e Romania, nazioni verso le quali sono iniziati i rimpatri. Anche L’Unione Europea prova a far sentire la sua voce asserendo che anche la Francia deve rispettare le regole sulla libertà di circolazione e di residenza dei cittadini europei.
La Francia, però, avendo veramente un Signor Presidente, che prima di far finta di pensare agli altri pensa ai suoi cittadini, va avanti imperterrita, per la sua strada e il    portavoce del ministero degli Affari Esteri di Parigi  dichiara: “Misure pienamente conformi alle regole europee che non comporteranno restrizioni alla libertà di circolazione dei cittadini europei” e “che le direttive europee prevedono espressamente restrizioni al diritto di libera circolazione per ragioni d’ordine pubblico, di sicurezza e salute”.

D’altronde, tolti i falsi moralisti pronti ad accettare tutti ma in casa d’altri e per difendere la poltrona che occupano e giustificare così i lauti stipendi, può ordinare che un cittadino della Repubblica deve tenersi nella sua casa un pregiudicato?
 Sarkozy non ha parlato di ghettizzazione di una razza, ma di allontanamento di clandestini e delinquenti condannati.
Se non si è ipocrita, abbiamo mai parlato con i bravi lavoratori rumeni, cosa pensano dei loro connazionali delinquenti? Si vergognano di loro perché con quel comportamento, provocano discredito verso la maggior parte di persone straniere  oneste e dedite al lavoro, regolarmente inserite nel contesto sociale.
Ed allora, ecco farsi risentire il Vaticano, pronto a criticare tutto e tutti, per primo il Ministro dell’Interno Maroni che valuta l possibilità di applicare quanto sta facendo la Francia.
La prima barzelletta, è la tutela dei minori. Perché, nel loro Paese di origine le scuole non esistono? Nel loro Paese di origine non c’è libertà? Riteniamo, questa, un’offesa verso la democrazia e cultura di quelle Nazioni!!!
Ed allora, perché queste reazioni prive di un minimo di reale buon senso? O cosa c’è dietro a questo buonismo?
Forse la paura di perdere gli stanziamenti dello Stato a favore delle gestite organizzazioni asseritamene non a fini di lucro ma, stranamente, proprietarie di beni che nessuno controlla, con parco macchine di grossa cilindrata come se, per fare beneficenza, un’utilitaria non basta!!!!
Ma il Vaticano, non è uno Stato?
Continuiamo a ripeterlo fino alla nausea: quanti ne accolgono nel più ricco stato del mondo?
Avete mai guardato le Croci che esibiscono con le catene che le sorreggono, che valore possono avere? 
Vi siete mai chiesti quanti bambini del tanto citato terzo mondo, potrebbero essere salvati con il corrispettivo di una di quelle Croci?
Eppure, la Croce dove nostro Signore è stato inchiodato era di putrido legno!
Eppure nostro Signore, ripetono loro, è nato in un’umile stalla.
Guardiamo i beni del Vaticano. Ogni tanto, in circostanze poco pulite, se ne scopre una!
Ma non dimentichiamoci di Sua Santità, Giovanni Paolo Primo, che avendo in agenda di controllare i conti della Banca del Vaticano, la notte ha dimentica di respirare ed è stato chiamato a se, guarda caso proprio quella notte, dalla Spirito Santo! (al quale chiediamo perdono per questo infelice accostamento che certamente non vuole essere irrispettoso verso Dio ma verso uomini che si nascondono dietro di Lui)
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Close