Cultura

Romanità sparita

dagostino osteria pinelli roma 14 09 2017
Romanità  sparita
Quant’eri bella Roma ‘n bianco e nero,
quanno nun te serviveno i colori 
p’esse’ più bella ar monno, pe’ davero,
tutta de sentimenti sani e puri.
C’erano i pizzardoni a tutti i canti
Le botticelle annaveno pe’ via
Er Papa proclamava meno santi
Usciva poco, e solo pe’ Maria.
Trastevere pareva ‘n paesello
Testaccio ‘n posto pieno de cavalli
Pasquino verseggiava da pischello
E pe’ Noantri ereno canti e balli.
Mo semo tutti proprio progrediti
In giro nun ce sta né questo e quello;
Mo semo tutti quanti più “struiti”
Ma no de scola, solo de bordello.
Back to top button