Cultura

Er viaggio

Sonetto romano

Er viaggio
Sonetto romano

Er viaggio a vorte è solo ne la mente
pe chi nun cià quattrini pe l’ingaggio,
se la saccoccia è vota e nun cià gnente
sarà la fantasia a trovà coraggio.

Eppure se rimane assai coscente
a occhi chiusi vive ‘n ammaraggio,
su ‘n Isola che tutta l’artra gente
nun l’ha mai vista manco de passaggio.

La libertà è insita ne l’omo
che vò scoprì segreti in ogni mare
e de girovagà nun è mai domo.

E cor penziero sale e scenne affonno
se po inventà li viaggi che je pare,
pure se nun ha mai girato er Monno !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button