Cultura

‘No stipendio da gnente

‘No stipendio da gnente

So’ tutti ‘n Campidoglio, bella gente!
Tutta l’Europa c’è rappresentata;
‘na festa, se direbbe: “Hai detto gnente!”;
de quelle de la storia tramandata.

Festa d’Europa, festa de l’Unione;
Festa de pace, speranza e de progresso;
solo er rappresentante de l’Albione
tra i grandi assenti, solo come ‘n fesso.

La casa è quella ch’è, sempre com’era;
mo’ li moderni dicheno: “E’ n’ icona;
segno de Roma bella, antica e fiera;
ce fanno festa, ma manca la padrona.

Forse è ita a scia’ co la creatura;
pe’ fa capi’che nun me rappresenta;
Pure lartr’ ieri ha fatto ‘na figura…
All’Ardeatine l’hanno segnata assente.

Mo nun me resta che faije capire
Che pure io nun so’ rappresentato,
ma questo nun è lei che lo po’ dire;
ché lo stipendio, io, ije l’ho pagato.

©Francesco.D’Agostino©diritti riservati©

Tags
Close