Cultura

Er Santo nostro

Sonetto Romano

Er Santo nostro

Sonetto Romano

Tra tutti quelli sopra er Calennario
chi potevano da ar Viggile Urbano?
Così sfojanno tutto er campionario
dar mazzo cianno scerto Sebbastiano!

Un ber regazzo che per sua sfortuna
ner tempo che poi Roma era la legge,
legato a ‘n tronco, senza pietà arcuna
trafitto fu, da più de cento frecce.

Inzomma questo fu martirizzato
perchè da pretoriano fu cristiano,
così ch’er nostro povero antenato
je fece rode er culo a Dioclezziano.

Magari ciavevamo San Michele!
Armeno quello co’ la spada ardente,
mozzava le linguacce sputa fiele.

Er nostro invece, usato da bersajo
stà llì’, a dimostracce che la gente,
nun ce perdonerà manco no sbajo.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button