Cultura

Iliade – Libro Secondo – 2

Libro Secondo - 2

Iliade – Libro Secondo – 2

ZEUS se sente in debito co’ TETI
e s’organizza ad arte ‘sto bisogno;
mentre Briseide je rende i sonni lieti
Agamennon riceve un gran bel sogno.

E’ ‘n sogno de Vittoria, è la NIKE’;
praticamente trionfo assicurato,
senza nimanco domanna’ perché
s’arza Agamennone rincuorato.

Ma è furbo er Re e pe’ vede’ l’effetto
comunica alle truppe cose gravi
Je dice che si er cor je manca in petto
domani se riparte co’ le navi.

A quell’ Eroi nun je parette vero
de ritorna’ alla casa ed alla sposa;
un grido solo se levò sincero:
“De resta’ qua proprio nun è più cosa.”

Fortuna der Gran Capo è ancora Ulisse
che parla a nome suo a quella gente.
Pe’ falla breve pare che je disse:
“Volemo torna’ a casa senza gnente?”

Subbito s’organizza l’Assemblea
Er Re capisce e subbito l’accetta;
con ordine così la gente Achea
S’imbriaca de democrazia diretta.

Ulisse parla e li rincojionisce
co’ l’arti magiche intorno a la parola:
quarche bugia per chi nun lo capisce
o per chi ha avuto poco dalla scola.

Pure Odisseo teneva Molly a casa*
E li j’annava sempre la memoria
Itaca o Irlanda, un po’ la stessa cosa,
ma ner progetto suo c’era la Storia.

Solo TERSITE je ribatte a petto,
uno che camminava poco e male,
dico così, political corretto,
ma era storto cor core de maiale.

Ulisse nun tentenna e je risponne
All’uso suo trova la soluzione
mica se lascia pija’ da le Madonne
e ija rifila ‘n corpo de bastone.

Sarà per lo splendore der sorriso,
sarà er ficozzo ìn testa ar disgraziato
ma a li guerrieri tutti, all’improvviso,
er gusto de la guerra jie tornato.

IRIS sotto le spoglie di Polite
essendo messaggera de li Dei,
Ettore avvisa che ricomincia lite;
se preparasse a contrasta’ l’ACHEI.

Omero der poema a questo punto
Te fa n’elenco lungo, elaborato,
de li guerrieri tutti tiene conto;
nemmeno d’uno pare s’è scordato.

Quarche parola dedica all’impegni
Così finisce il Libro suo Seconno
Dar quale se capisce che li sogni
So’ quelli che rovinano ‘sto monno

* Molly Bloom è la Penelope dell’Ulisse di James Joyce,
praticamente un triestino d’adozione.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati©

Back to top button