Cultura

Er Sognatore

Sonetto romano

Er Sognatore
(Sonetto romano)

La notte quanno er Sole se ritira
e lascia la conzegna a l’artre Stelle,
er Celo che sbrilluccica t’attira
co l’occhi de mijara de fiammelle.

Così chi ce se gonnola e sospira
immerzo a ‘ste brillanti sentinelle,
è preso da ‘n incanto che l’ispira
a mette in strofa le rime più belle.

E’ facile sognà quanno viè notte,
quando s’ammanta tutto de splennore,
de centomila Stelle galeotte.

Ma a ‘n sognatore basta na parola
se je viè detta da chi cià ner core,
je serve per sognà, ‘na Stella sola !

©ErnestoPietrella©DirittiRiservati©

Back to top button