Cultura

La stella mia- sonetto romano

Pietrella stella
La stella mia- sonetto romano
 
Ognuno c’ha na stella su’ ner celo
E quanno che la notte scenne scura,
lei te rischiara er viso e scioje er velo
che copre l’ occhi pieni de paura.
Perché noi semo fiji della luce
E quanno che c’e’ er buio che c’ assale,
ce cresce ‘n anzia dentro che produce
quello ch’è chiamato, oscuro male.
La mia, brilla lassu’,tanto lontano
Ma a vorte me pare de toccalla,
Quanno che la sfioro co la mano.
E lei dall’ arto, me fa’ l’ occhiolino,
un modo come ‘n antro pe mostramme
che quanno servira’, me sta’ vicino.
ErnestoPietrella@DirittiRiservati
Back to top button