Cultura

23 settembre. Un amore

d agostino cane gemma 25 09 17

23 settembre. Un amore
Sapessi tu che d’ era er cane mio
Che tutt’ a ‘n botto pija e m’ha lassato;
Sapessi quanto poco me sent’io
Da quanno, ‘n brutto giorno, se n’è annato

Eramo stati ‘nzieme proprio assai
Che manco me ricordo quanto è stato
Anni a guardasse e a questionare mai
Un rapporto, pe’ di’, sperimentato

Dove ch’annavo io Gemma veniva
Nun c’era verso, stava sempre appresso
Bastava ‘n soffio e subito capiva
nun me lassava solo manco ar cesso.

L’urtimo giorno ‘un c’ho capito gnente.
Mentre chiudeva l’occhi m’ha sorriso:
“”Io vado avanti, ‘un piagne, deficiente
Pijate er tempo, t’aspetto in Paradiso””.

Guarda anche
Close
Back to top button