Cultura

Er Presepio – Trilussa

Ricordiamo l’importante sonetto di Trilussa, il poeta
romano Carlo Alberto Salustri, il quale scelse questo
pseudonimo da un anagramma del proprio cognome.

Er Presepio – Trilussa

Ve ringrazio de core,brava gente,
pe’ ‘sti presepi che me preparate;

ma che li fate a fa, si poi v’odiate?
Si de st’amore nun capite gnente….

Pe’ ‘st’amore so nato e ce so morto,
da secoli lo spargo da la croce ;

ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto senza ascolto.

La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca de fallo sempre più sfarzoso,

però cia’ er core freddo e indifferente;
e nun capisce che,senza l’amore,

è cianfrusaja che nun cia’valore !

Tags
Guarda anche
Close
Back to top button
Close