Cultura

La barba -Sonetto romano

pietrella barba specchio 13 03 17
(foto rielaborata Gio-Gab)
                                             
  La barba -Sonetto romano
Quanno che me rado la matina,
me guardo ner fonno nello specchio
e sotto quella bianca gelatina
er viso se riscopre un po’ piu’ vecchio.
Me guardo e me interrogo ogni vorta,
perché co la coscenza nun se scherza
e mentre la lametta taja corta,
emette quasi sempre la sentenza.
Quanno che la passa in giudicato
nun ce stà avvocato che me sarva,
me ritrovo sempre condannato.
Ma nun me manco mai de rispetto,
perché non tutti c’hanno quer coraggio,
de guardasse la matina nello specchio.
 
ErnestoPietrella@DirittiRiservati
Back to top button