Cronaca

Stazione Termini sorvegliata speciale dai Carabinieri

ROMA – Nelle ultime 24 ore, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno effettuato nella zona della Stazione Termini, dei servizi di controllo finalizzati a prevenire fenomeni di illegalità diffusa e di degrado.

I militari dell’ Arma hanno passato al setaccio la Stazione Termini, piazza dei Cinquecento, via Marsala, via Giolitti, e tutte le strade limitrofe.

In manette sono finite 5 persone di cui, due cittadini romeni, di 33 e 26 anni, già vecchie conoscenze dei militari, entrambi nullafacenti, responsabili del furto di un cellulare, I-Phone, ai danni di una turista cinese ed altre 2 donne, di 24 e 20 anni, provenienti dal campo nomadi di Aprilia, per il borseggio del portafogli ai danni di un turista cinese, furti avvenuti all’interno della metro. Infine una cittadina romena di 32 anni, pregiudicata e senza fissa dimora, sorpresa a rubare 600 euro di profumi, dall’esercizio commerciale “Coin”, ubicato all’interno dello scalo ferroviario.

Sono 14, invece, le persone denunciate di cui 10, romene, tutte provenienti dal comune di Aprilia, già conosciute alle forze dell’ordine, e altre due italiane provenienti da varie città dello “stivale”, responsabili di inosservanza del foglio di via obbligatorio dal comune di Roma, emesso nei loro confronti.

Un cittadino romano, di 49 anni, già noto alle forze dell’ordine, residente a Guidonia Montecelio, è stato invece sorpreso mentre effettuava servizio di trasporto a pagamento di alcuni turisti stranieri con la propria autovettura, sprovvisto della prescritta licenza e quindi denunciato e sanzionato. I militari hanno provveduto anche al fermo amministrativo del mezzo.

Infine, è stata la volta di un 19enne italiano, originario della provincia di Bergamo, nella Capitale per turismo, sorpreso dai Carabinieri, in piazza dei Cinquecento in possesso di un coltellino ed un tirapugni che sono stati sequestrati.

Tutti gli arrestati sono stati condotti e trattenuti, nelle varie caserme, in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

 

Tags
Close