Cronaca

Sei chili di cocaina occultati in un camion. Arrestato un albanese

 

Lecce, 16 febbraio – Nei pressi dell’area del  Porto  Vecchio di Brindisi, i Finanzieri del Nucleo di  Polizia Tributaria di Lecce notavano un autoarticolato con targa albanese e  rimorchio olandese in sosta nei parcheggi antistanti l’area  portuale con a bordo l’autista, un albanese 23enne. Il giovane, osservava attentamente le operazioni dei militari  delle Fiamme Gialle.

Il suo comportamento, non passava inosservato agli uomini della Tributaria che procedevano al controllo del mezzo e del suo carico, consistente unicamente in un piccolo escavatore per lavori  edili ed alcune carcasse di gomme esauste.

Insospettiti dal carico e dal mezzo, i finanzieri procedevano ad un controllo particolarmente accurato notando così che una batteria dell’autoarticolato, era manomessa. L’accumulatore non risultava essere funzionante per cui, smontatolo, gli operanti rinvenivano nel suo interno,  avvolti  in sacchetti di plastica, 4 pani di sostanza stupefacente del  tipo cocaina dal peso complessivo di kg 4,2.  Al fine di un controllo maggiormente accurato, l’automezzo ed il suo autista venivano condotti presso la  caserma del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce. Con  l’ausilio di due unità cinofile antidroga della locale  Compagnia, occultati in un doppio  fondo ricavato all’interno di un pannello di isolamento della  cabina di guida, venivano rinvenuti ulteriori due pani di sostanza stupefacente  del tipo cocaina, dal peso complessivo di kg. 1,841,  per un peso complessivo di gr.6.041 di cocaina purissima, il cui valore sul mercato,  opportunamente tagliata, si aggira intorno ai 3 milioni di  euro.

Mentre lo stupefacente, unitamente  all’automezzo utilizzato per il trasporto, ad alcuni telefoni  cellulari ed a varia documentazione rinvenuta all’interno della cabina di guida venivano  sequestrati, l’albanese veniva tratto in arresto ed associato in carcere a disposizione della Procura della Repubblica di Brindisi.

Back to top button