Roma

Roma – Pensionato massacrato di botte e ridotto in fin di vita per futili motivi. Un arresto

cc gino cervi sangue aggressioneL’aggressore, un pregiudicato romano.
Roma, 23 ottobre 2016 – Erano le 4 circa di ieri mattina  quando un passante, percorrendo  Viale Gino Cervi, vedeva a terra,  esanime, un uomo anziano. Il volto completamente   tumefatto, irriconoscibile.
La vittima veniva trasportata a mezzo ambulanza all’ospedale S.Pertini ma, per la gravità delle ferite, è stata subito trasferita al Policlinico di Roma  e ricoverato in gravissime condizioni.
Le   indagini   dei   Carabinieri   della   Compagnia Montesacro, comandata dal  capitano Nico Blanco,              si  presentavano difficoltose in quanto la vittima era  priva di documenti di identità né le sue condizioni fisiche ne permettevano l’identificazione. Solo un mazzo di chiavi nelle sue tasche.
Mentre alcuni  militari del Nucleo Operativo comandato dal Tenente Marco Zavattaro,  avviavano le indagini
per la sua identificazione, altri investigatori effettuavano ricerche in zona riuscendo a rintracciare  alcune telecamere di videosorveglianza in funzione. Dalla visione delle stesse, i Carabinieri potevano vedere  quanto accaduto con le immagini della brutale aggressione. L’anziano, che camminava con un bastone per il suo stato fisico,  era sul marciapiede dove è stato trovato. L’aggressore sull’altro lato della strada. Uno scambio di battute e   il bruto, attraversata la carreggiata, lo ha raggiunto percuotendolo selvaggiamente con pugni, calci anche quando era a terra percuotendolo con il suo stesso bastone, nonostante questi  fosse privo di qualsiasi difesa,
La conoscenza dei soggetti del territorio, permetteva di riconoscere l’aggressore in un romano 24enne, che cc gino cervipratica lo sport del pugilato, noto alle forze dell’ordine e residente nel quartiere. L’individuo, era sottoposto a sorveglianza speciale per cui, nelle ore notturne, avrebbe dovuto trovarsi in casa.
Le  difficili ricerche dell’autore della brutale violenza, grazie all’impegno e competenza degli investigatori,  si concludevano con il suo rintraccio nonostante fosse nascosto in altro locale del palazzo dove abita.
Nel frattempo, gli  altri militari riuscivano ad identificare la vittima del bruto, un pensionato 70enne, abitante e noto nel quartiere. A distanza di 36 ore, le sue condizioni appaiono sempre critiche per la gravità dei colpi ricevuti.
Per il 24enne, si sono aperte le porte di Regina-Coeli con la pesante accusa di “tentato omicidio” oltre alla violazione della norma sulla sorveglianza speciale.
Tags
Close