Tematiche etico-sociali

La gioia del tifoso Jorge Mario Bergoglio offuscata dalla morte dei suoi nipoti – FOTO

Papa Francesco con i campioni San Lorenzo

Vaticano, 20 agosto – L’udienza generale del mercoledì tenutasi oggi nell’Aula Paolo VI (ndr: o sala “Nervi” dal nome del progettista),  è stata dedicata da Papa Francesco al suo viaggio missionario in Corea ed ancora di più, ai cristiani perseguitati in Iraq. Poi, con viva emozione, ha ringraziato pubblicamente tutti per i messaggi di cordoglio ricevuti per la perdita dei parenti avvenuta ieri a seguito di incidente stradale in Argentina,  e, commosso, ha aggiunto ” Anche il Papa ha una famiglia”, forse pensando che, per il Suo alto Ministero, non potrà essere vicino ai congiunti come invece può fare qualsiasi altro uomo della terra.

Questo triste evento, ha offuscato la gioia del tifoso del “San Lorenzo de Almagro ” Jorge Mario Bergoglio, a cui  il presidente del “San Lorenzo de Almagro” Matias Lammens, accompagnato dal suo vice Marcelo Tinelli, famoso personaggio televisivo in Argentina, il d.g. Bernardo Romeo, l’allenatore Edgardo Bauza e i giocatori Juan Mercier e Julio Buffarini sono venuti in Vaticano per omaggiare il loro più illustre tifoso, portando con loro   il trofeo “Libertadores“, la Coppa d’America, vinta quest’anno per la prima volta dalla squadra del cuore di Bergoglio e che quest’anno è arrivata prima al trofeo ‘Inicial’ e il secondo posto ai Mondiali del Brasile.

Infatti, entrato nella Sala Nervi, Papa Bergoglio ha salutato la rappresentanza calcistica del club argentino in spagnolo dicendo: “E’ parte della mia identità culturale”.

Poi, con un sorriso che per pochi minuti ha spazzato via la malinconia del dolore, ha ricevuto la maglietta rosso-blu del club che i “campioni” gli hanno portato da Buenos Aires e, reggendo a fatica il gigantesco trofeo passatogli dai calciatori, ha accettato di farsi fotografare.

L’allenatore Bauza ha dichiarato “Il Papa ci ha detto che siamo riusciti a regalargli due minuti di felicità. Abbiamo visto che era triste, ma abbiamo vissuto un momento meraviglioso e lo ringraziamo di cuore”.

Il Papa, che era arrivato in anticipo per salutare le persone, accarezzare i bambini, benedire i rosari, si è poi trattenuto per i saluti, in particolare “due gruppi coraggiosi” arrivati a Roma ion modo singolare. La Lega Navale Italiana in pellegrinaggio da Loreto a San Pietro, in canoa mentre una famiglia francese, genitori e sei figli, sono arrivati addirittura con due asinelli.

FOTO con i nostri montaggi del mondiale

Stringa per galleria immagini:

{gallery}mondiali_papi_fotomontaggi{/gallery}

Back to top button