Tematiche etico-sociali

“Lasciate sia l’amore a definire una famiglia”

lasciate lamore definire la famigliaDalla nostra corrispondente da Los Angeles, Maristella Santambrogio 
Los Angeles, 27 ottobre – Nell’articolo si sottolinea questa premessa di Ken e Ron,una coppia gay intervistata per ‘Attualita.it’: “Molte persone giudicano i gay per la loro sessualità, non  vogliamo sia questo il fattore predominante  da prendere in considerazione ma uno stile di vita che coinvolge due partners dello stesso sesso. Vogliamo far capire alle persone  di considerarci  come esseri umani e non  per la nostre scelte sessuali. Noi, per esempio, abbiamo un’ottima educazione, una buona posizione finanziaria e siamo individui  generosi e come ogni coppia abbiamo desiderato completarci, essere una famiglia  diventando genitori ed abbiamo adottato Michael.”
Abbiamo chiesto ” Avete avuto relazioni con donne prima di scegliere  un uomo come compagno?
” Sono stato sposato per tre anni. – ha risposto Ron – Ho avuto  parecchie relazioni con donne. Nonostante questo,  sentivo d’essere inadeguato poichè ero attratto dagli uomini … È stato molto difficile  accettare questa diversità, specialmente dovendo affrontare la mia famiglia  e i miei principi religiosi cattolici.
Ken, al contrario, ha sempre saputo d’essere gay fin da ragazzo perciò non ha mai avuto esperienze con donne ne gli sono mai interessate.” 
Da quanto tempo siete insieme?
” Viviamo come una coppia da più di 23 anni.”
Quando avete deciso di sposarvi ?Questo è avvenuto nello stato della California?
“Quando ci siamo sposati  nel 2008  lo abbiamo deciso  entrando a far parte del gruppo delle 18mila coppie il cui matrimonio tra persone dello stesso sesso  in quell’anno è diventato legale in California”.
Essendo  sposati, come coppia,  avete dei benefici legali ?
Ora che il matrimonio tra gay è diventato legale in America, noi abbiamo richiesto i nostri vicendevoli benefici legali. Per esempio, se io venissi a mancare, Ken erediterebbe i benefici legali e io nel caso contrario avrei diritto  a riscuotere assicurazioni e pensione dei suoi benefici sociali, Così è giusto avvenga per una coppia regolarmente sposata.
Quando avete decisio di adottare Michael?
Al nostro primo incontro ho detto a Ken che avrei desiderato diventare padre.Il suo commento ridendo è stato “Ottimo! Io comunque non vedo questa possibilità nel mio futuro.” Ci sono voluti 12 anni con tante discussioni per arrivare a decidere che era arrivato il momento di varare una  domanda d’adozione.
Dall’ invio della nostra richiesta d’adozione è passato un anno intero finchè Michael è venuto a stare con noi.
È legale in California per una coppia gay adottare un figlio/a?
“Non abbiamo avuto nessun problema (avevamo molte perplessità) nel processo d’adozione.Abbiamo passato facilmente tutte le classi richieste per legge.Nonostante questo, sono passati mesi ed è stata la parte più difficile da accettare, stressandoci moltissimo poichè non riuscivamo a trovare una spiegazione a tanto ritardo. Probabilmente è stato un bene  che sia andata cosi, perchè Dio ci ma mandato un figlio speciale: Michael!
Quanti anni aveva Michael quando lo avete adottato come coppia?
Michael aveva nove anni e mezzo quando è arrivato da noi e, prima dell’adozione definitiva,  è passato un anno durante il quale siamo stati per lui come una foster family (una famiglia di passaggio). Davanti al giudice, per sancire l’adozione definitiva, alla sua domanda ” Michael sei certo di voler avere questi due signori non così giovani come papa?” lui ha risposto “Si! me li prendo!” Da quel momento Michael  è diventato legalmente nostro figlio e siamo diventati una vera famiglia. 
RonKenMikeRifareste questa scelta considerando le responsabilità d’essere genitori?
Se fossimo stati più giovani avremmo fatto un’altra domanda d’adozione  – risponde Ron – ma io avevo già 50 anni al momento in cui è arrivato Michael, quindi non mi sentivo di  avere un’altro figlio/a considerandomi uomo anziano. Così abbiamo rinunciato.Le nostre rispettive famiglie ci sono state di grande aiuto e specialmente hanno  accettato ed amato Michael.
Com’è ora la vostra relazione con Michael?
 Ogni giorno siamo contenti del fatto d’avere Michael come figlio….  La nostra relazione  segue questi parametri:  per prima cosa noi  siamo i suoi genitori e i suoi sostenitori, ma specialmente siamo genitori. Contenti di seguire la sua crescita nelle diverse fasi. Ora è un giovane uomo, ma ancora ragazzo.  Come suoi genitori  potremmo anche morire ….  davanti alle difficoltà che si  possono creare, avendo fatto questa difficile scelta.
Vi siete mai rivolti ad uno psicologo?
Si, ma per una ragione ben precisa: avere dei consigli per come educare nostro figlio.Spesso i genitori necessitano di qualche aiuto o suggerimento per come impostare la relazione con i propri figli, mantenendo le regole educative.Con Michael siamo sempre stati sinceri spiegando, con le giuste parole, la nostra situazione e questo non ha richiesto l’intervento dello psicologo.
Strano a dirsi, ma nell’aspetto Michael assomiglia al padre Ken,  indubbiamente  piu tollerante di Ron che svolge spesso la parte più difficile… quella di imporre le regole da seguire e saper dire no.Ron e Ken si consultano nelle decisioni da predere riguardo all’educazione del figlio. Michael è un ragazzo sereno ed equilibrato ed  ha accettato di rispondere ad alcune domande.
Come ti fa sentire il fatto d’essere cresciuto con due padri?
Onestamente quando sono stato adottato da loro non avevo idea fossero gay. Pensavo fossero fratelli poichè entrambi erano senza capelli.Quando ho compiuto 10 anni, mi hanno spiegato la situazione… allora ho capito.Non ho mai avuto problemi ad accettare la mia nuova famiglia, trovo speciale avere due papà. Ho molti amici che hanno genitori dello stesso sesso, ma molti di questi hanno due mamme….e,ripeto, sono contento d’avere due papà.A volte ho pensato fossero troppo severi nella mia educazione, ma poi ho capito  che lo sono stati per il mio bene.
Non hai problemi quando ti trovi con amici cresciuti con un padre e una madre?
“Sono cresciuto con mia madre fino all’età di 8 anni, perciò, nella mia mente ho il suo ricordo , ma non ho mai avuto un papà, ora ne ho due.. è una fortuna e inoltre una casa dove mi trovo bene.Non mi sento imbarazzato a presentare i miei genitori ad amici con un padre e una madre . Spesso siamo invitati  nelle loro case o viceversa.Anzi sono orgoglioso dei miei papà, sono molto simpatici e specialmente  colti .”.
Ti senti di offendere  i tuoi genitori sentendoti attratto dalle ragazze?
Assolutamente no, anzi loro sono i primi ad incoraggiarmi. Ho avuto una relazione con una ragazza a cui ero legato e spesso era invitata a cena dai miei genitori.Ken cucina molto bene….stò imparando anch’io…. è importante saper cucinare per mantenere la salute….
Ti senti soddisfatto per l’educazione ricevuta?
Devo solo ringraziare.Non posso pensare a quanto  i miei genitori abbiano speso per iscrivermi nelle scuole migliori e offrirmi  un’ottima educazione scolastica,  crescendomi e facendomi sentire sicuro di me stesso.Quando ho sbagliato, spesso noi ragazzi lo facciamo, sono stato punito ed ho capito.Ringrazio i miei due papà per avermi aiutato a pensare ed essere libero nelle mie scelte.
Dunque concludiamo con la frase messa nei cartelloni pubblicitari, a favore delle famiglie gay, posti nelle strade di Los Angeles dove appaiono Ron,Ken e Michael . Del resto si può constatare come nella società, di famiglie “normali” ne siano rimaste poche. Le divisioni  dei genitori creano più problemi d’ identità nei giovani.Benvengano le famiglie gay legalizzate e unite che adottano bambini e li crescono con sacrificio.
“Lasciate sia l’amore a definire la famiglia” così si legge vicino alle loro foto.
Tags
Back to top button
Close