Tematiche etico-sociali

E LE COPPIE DI FATTO ?

Censimento 2011: incongruenze tutte italiane
censimento 2011

Anche quest’anno, a causa di un’anomalia tutta italiana, a distanza di dieci anni dall’ultimo censimento della popolazione chi è intestatario di un’abitazione e del “foglio di famiglia” (persona alla quale è intestata la scheda di famiglia in anagrafe comunale) ed è convivente e non sposato deve scrivere allo stato civile, nubile o celibe, perché non coniugato, appunto.
Accanto alla famiglia tradizionale, fondata sul matrimonio, ormai si sono sviluppati negli ultimi trent’anni anche in questo “strano” paese, soprattutto dopo l’approvazione della legge sul divorzio, altri modi di fare famiglia.
Molte coppie decidono, infatti, di convivere, senza sposarsi, o per libera scelta o perché uno o entrambi i componenti vengono da un’esperienza matrimoniale precedente. Ma anche se le famiglie di fatto sono in costante aumento, la normativa in proposito è limitata e il Censimento 2011 va di pari passo: chi è convivente resta celibe o nubile. Punto e basta.
Andando avanti con la compilazione del questionario, l’Istat che intende fotografare la realtà italiana, fa indicare la relazione di parentela o di convivenza del signor o signora Rossi con l’intestatario del Foglio di famiglia. La persona che convive in coppia con l’intestatario (sia nel caso di coppia formata da persone di sesso diverso, sia nel caso di coppie formate da persone dello stesso sesso) viene rilevata. Con il matrimonio, lo sappiamo, i coniugi acquisiscono diritti e doveri stabiliti dalla legge. Le coppie di fatto invece, per poter far valere alcuni di questi diritti, devono dimostrare di vivere “more uxorio” anche nel Censimento 2011. Ma il loro stato civile resta celibe o nubile.
L’anomalia, intendiamo bene, è tutta italiana e poca colpa ne ha l’Istat. È il legislatore sul banco degli imputati che con lo spauracchio del riconoscimento di pari diritti alle coppie omosessuali non muove un dito in tal senso, discriminando da anni chi vive fuori dal matrimonio in regime di coppia di fatto.
Questa è l’ennesima incongruenza del bel paese, che avvinghiato com’è nei problemi di pochi trascura da troppo tempo i problemi della stragrande maggioranza degli italiani. Lisa Biasci
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button