Spettacolo

Spotlight a Hollywood sull’American Film Festival

 Si e’ concluso uno degli eventi importanti della stagione cinematografica di Hollywood : l’AFI , Los Angeles International Film Festival ,sponsorizzato dall’Audi.  

Il film ‘’ Doubt ‘’ interpretato da  Meryl Streep e Philip Seymour Hoffman  ha inaugurato il programma d’apertura del festival mentre “Che” interpretato da Benicio del Toro e’ stato proiettato durante una secona serata di Gala e Il film “Defiance”con Daniel Craig, il nuovo James Bond , presentato in prima mondiale, ha concluso il festival. Durante gli 11 giorni dell’AFI si sono alternati nelle sale dell’ArcLight film, short e documentari provenienti da ogni parte del mondo a cui sono state aggiunte proiezioni speciali e tributi a registi ed attori per rendere questo festival di registi indipendenti maggiormente appetible per I media. Quest’anno I ricinoscimenti alla carrier sono andati a Danny Boyle e all’attrice Tilda Swinton. Oltre a ritirare il premio , Boyle ha presentato il suo ultimo film “Slumdog Millionaire “che ha molte possibilita’ d’essere nominato tra I film stranieri in competizione per gli Oscar. Boyle ci ha detto che la scelta degli attori per il suo film e’ stata faticosa ed e’ riuscito a selezionare gli attori protagonisti   dopo moltissime audizioni, ma specialmente difficile e’ stata la scelta dei due giovanissimi attori che nella prima parte del film ti strappano il cuore per la miserabile vita quotidiana fatta di pericoli e miseria dell’ India . Tilda Swinton, l’attrice inglese vincitrice dell’Oscar di quest’anno come attrice non protagonista e interprete nel film ‘’Burn After Reading’’ alla domanda “Con quale criterio sceglie una sceneggiatura ? ‘’- ha risposto – ‘’Faccio molta attenzione alle persone che lavoreranno nel fim. E’ molto importante per me avere a fianco compagni di lavoro con cui mi trovo bene perche’ ne va a beneficio della qualita’ del risultato del prodotto. Un film e’ un lungo lavoro che si svolge in collaborazione e promozione, e’ fondamentale trovarmi bene con le persone con cui passero’ molto tempo.’’ L’attice ha presentato il suo ultimo film ‘’Julia ‘’che la vede protagonista e ne consolida la carriera . Sui red carpet che hanno seguito le presentazioni dei film abbiamo incontrato il giovane regista ,Rian Johnson, ancora incredulo per la fortuna capitatagli, dopo aver presentato un suo film al festival di Sandance e’ riuscito a scrivere e dirigere una sua sceneggiatura ‘’ The Brothers Bloom’’ interpretata da Adrian Brody, Rachel Weisz e Mark Ruffalo ( gran sostenitore di Obama). Mark Ruffalo, simpaticissimo, ci ha detto ‘’MI e’ piaciuto il personaggio che Johnson mi ha offerto d’interpretare , abbiamo girato in molte citta’ europee,   io oltre all’Italia adoro i vostri film registi come Fellini e il grande Mastroianni . Abbiamo incontrato anche il regista James Gray , marito di Gweyneth Paltrow protagonista del film con Joaquin Phoenix, che ha presentato il film ‘’Two Lovers’’ annunciando che con questo film Phoenix lascia il cinema. Gray ci ha detto “ Ma lei che e’ italiana che ci fa in America, l’Italia e’ un Paese stupendo, avete tutto…. storia, cinema e I buoni sapori..”- Che rispondere.. ha ragione.. Gli abbiamo chiesto se la notizia della conclusione della carriera di Phoenix  sia definitiva - ‘’ Sembra di si, cosi’ ha detto ‘’ –ha risposto il regista- ‘’Joaquin lavora nel cinema da quando aveva cinque anni si e’ stancato del cinema e vuole fare il musicista una sua passione. ‘’ All’AFI di quest’anno le novita’ cinematografiche sono arrivate da paesi come il Giappone con il film ad episodi ‘’Tokyo’’  ,la Danimarca con ‘’World Apart ‘’ , dal Sud Africa ‘’Skin’’ , dalla Francia ‘’A Christmas Tale’’ , dall’Uruguay ‘’Acne’’ vincitore come miglior film. E’ aumentato il numero dei film diretti e prodotti da donne citiamo Emily Tang con’’ Perfect Life’’, Lilliana Paolinelli ‘’Proper Eyes” e prodotto da Paula Gradio e Ana Carabajal, Mo Perkins con ‘’A Quiet Little Marriage’’ Tricia Todd con‘’ Agile,Mobile,Hostile’’ Albertina Cabri “La Rabia”. 

‘’A Necessary Death’’ diretto da Daniel Stamm ha vinto come film scelto dal pubblico e che esprime l’imensa difficolta’ dei filmmakers indipendenti nel trovare un’idea diversa per farsi strada e trovare I finanziamenti per realizzarla. “ Filmaker cerca aspirante suicida da filmare dalla preparazione all’atto finale’’,Daniel, con questo annuncio posto nella popolare web Craigslist ha  realizzato il suo film. Con sua sorpresa infatti gli aspiranti suicidi non sono mancati. Il documentario ‘’ Play Colombime’’ ha decisamente creato le maggiori controversie . Il regista Danny Ledonne lo ha girato per giustificare il video game da lui precedentemente realizzato sull’atroce ed infame massacro avvenuto nella scuola di Columbine ed ha trovato anche una societa’ che glielo ha finanziato. Voleva l’attenzione dei media c’e’ riuscito. In America tutto e’ possible anche l’incredibile! Ma ci si puo’ consolare anche con qualcosa di costruttivo , il pubblico ha premiato come miglior documeterio ‘’ The World We Want’’ insieme a ‘’Kassim the Dream’’. ‘’The World We Want” diretto da Patrick Davidson e’ l’esempio di come I giovani possono cambiare il mondo se s’impegnano insieme in un progetto.
 
 
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Close