Spettacolo

Dances With Films

Il festival ”Dances With Films” ha festeggiato la sua 16 edizione ad Hollywood aprendo i battenti a filmmakers internazionali emergenti, oggi sconosciuti domani famosi.

Il programma include: Feature Competition, Fusion Features,Late Night Features, Documentari, Down Beat: A Collection of music & Dance, Shorts. Dal 30 Maggio al 9 di Giugno si sono alternati red carpets e proiezioni presentando attori e registi, con l’aggiunta d’interessanti incontri con rappresentanti del mondo dello spettacolo. I temi trattati  sono stati presentati da casting directors, specialisti nel settore hanno parlato della distribuzione del digitale e delle tendenze emergenti. Abbiamo intervistato Patrik A. Chapman, regista di” Phin”, nel film “Sam” ( Brandon Stacy, Star Trek: Phase II). L’artista  perde l’opportunità   di presentare i suoi quadri ad un mercante d’arte poichè il fratello Phin (Eric Frentzel),  sofferente per il lobo frontale danneggiato,  lo raggiunge nell’appartamento mentre si svolge l’incontro con il commerciante  interessato. “Come è nata questa idea ?” “Mio fratello ha scritto, la sceneggiatura considerando come  molte persone affette dal problema del lobo frontale danneggiato, non si accorgono delle conseguenze delle proprie azioni.” Le è stato difficile finanziare il suo progetto? “Da dieci anni lavoro nel settore cinema, collaboro in programmi televisivi, mi sono fatto molta esperienza per cui quando ho deciso di fare il mio film, a parte qualche aiuto, ho finanziato personalmente il mio progetto.” Come considera la possibilità offerta  a tutti  con la nuova tecnologia di girare un film? “Penso che sia necessario sapere quel che si fa. I costi si sono molto ridotti rispetto a quando si girava in pellicola, per cui è più semplice il percorso per la realizzazione di un film. Per il mio lungometraggio ho fatto audizioni a più di 300 attori. Oggi assistiamo ad un fenomeno crescente di registi per caso. Questo è un mestiere che non s’impara in una notte, per cui tutte quelle immagini su you tube, sono una riprova di come ci si inventa questa professione. La competizione, dunque è in crescendo, ma avviene poi una selezione naturale.” I registi di “She Loves Me Not” Brian Jun (segmenti 1 e 2) e Jack Sanderson (segmento 3) hanno ribadito il concetto della riduzione dei costi con la nuova tecnologia. “Noi lavoriamo insieme e ci conosciamo da anni, il nostro film non è stata un’impresa semplice, ma ci siamo riusciti, costi al limite, aiuti, ma specialmente la tecnologia del digitale offre molti vantaggi e taglia i costi. Siamo stati fortunati a trovare gli attori giusti, specialmente il protagonista Cary Elwes”.  “Cosa pensa di questo festival?” abbiamo chiesto a Cary Elwes “È un ottima opportunità, ben gestita che offre spazio e supporto ai film indipendenti. Per me è stata un’esperienza costruttiva  lavorare con Jun e Sanderson. Mi è piaciuta la loro storia ed ho accettato la parte che mi è stata offerta.” Joey Lauren Adams, dal sorriso contagioso, è curiosa di vedere il film finito. “Sono stata diretta, ho girato le scene assegnatemi, ma il film non l’ho ancora visto, non c’è stata occasione, sono curiosa. È sempre un esperienza emozionante rivedersi e mi sono sentita a mio agio lavorando in “She Loves Me Not”. Questo festival è energetico.” Quest’anno, in particolare , “Dances With Film” ha allungato la durata del Festival in 11 giorni consecutivi aumentando le proiezioni con una partecipazione di pubblico e media incoraggiante sia  agli incontri  con  i registi, ai cocktail, alle discussioni a tema mentre sono aumentate le occasioni per molti registi di trovare una distribuzione.

 

In questa edizione del festival hanno vinto:

Grand Jury Award | Competition Features:Coyote” – Writer/Dir/Prod: Joe Eddy

***Winner Receives Distribution with Gravitas Ventures***

Grand Jury Award | Competition Shorts “Varmint” – director: Joel Knoernschild

Audience Award | Competition Features: “Cement Suitcase” – Writer/Dir: J. Rick Castaneda

Audience Award | Fusion Features: California Winter” – Writer/Dir: Odin Ozdil

Audience Award | Documentary Features:Mile…mile & a half” – Directors: Jason Fitzpatrick, Ric Serena

Audience Award | Competition Shorts:Barbie Boy” – Director: Nick Corporon

Audience Award | Fusion Shorts: “Unorthodox” – Director: Patrick Waismann

Audience Award | Music Video: “Moving Out” – Writer/Dir: Sean McCarthy

Ica | Industry Choice Award: Home – Writer/Dir: Jono Oliver

 

{gallery}dances{/gallery}

Guarda anche
Close
Back to top button