Spettacolo

CENTO EVENTI TEATRALI NEL LAZIO

Più di cento eventi, tra spettacoli, musica, proiezioni e dibattiti, circa 120 compagnie impegnate per un totale di 230 recite nei teatri e nelle strutture di oltre 20 comuni delle province del Lazio. 

Sono i numeri della nuova stagione teatrale 2011 promossa dall’Assessorato alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio e realizzata dall’Associazione teatrale fra i comuni del Lazio (ATCL).
Un’offerta plurale, ampia e diffusa sul territorio, caratterizzata da una programmazione di prosa tradizionale, dalle proposte di autori italiani contemporanei e di giovani formazioni emergenti, ed arricchita da molteplici iniziative e appuntamenti per conoscere i diversi linguaggi del teatro.
“A Teatro nel Lazio” costituisce un contributo significativo allo sviluppo culturale delle province per permettere anche ai cittadini dei piccoli centri di usufruire del teatro come bene necessario alla crescita e alla aggregazione sociale. Un punto di contatto concreto tra l’area metropolitana di Roma e il resto della Regione per la diffusione della cultura teatrale sul territorio nella maniera più capillare possibile attraverso un progetto di decentramento che favorisca la circolazione degli spettacoli, il potenziamento degli spazi scenici e le opportunità di formazione del pubblico.
«La stagione teatrale programmata dall’ATCL trasforma la regione tutta in un ideale palcoscenico rivolta ai giovani, agli anziani, alle famiglie, per offrire momenti culturali significativi ed occasioni di socializzazione, di conoscenza e di crescita culturale individuale e collettiva – spiega Fabiana Santini, Assessore alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio, che continua – Valorizzare le esperienze dei singoli comuni è lo scopo del nostro impegno poiché riteniamo che il decentramento sia una scelta obbligata. Dare ad ognuno di loro il giusto risalto e il giusto sostegno, condividendone le scelte culturali e promuovendo le loro iniziative, ci sembra sia il modo migliore di dare spazio a energie locali che hanno l’obiettivo di rendere più interessante e più stimolante la realtà della nostra regione».
Dunque un’offerta culturale sul territorio regionale con una forte idea di movimento che non si limiti a promuovere il teatro classico, ma che sia punto di raccordo per un teatro di ricerca e di sperimentazione, aprendo alle nuove generazioni di artisti, promuovendo il funzionamento delle strutture e spazi oltre all’eventualità di animare il territorio con laboratori e seminari relativi ai saperi scenici.
 
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button