Politica

“L‘elezzioni su Marte”

Sonetto romano ... su Marte

“L‘elezzioni su Marte”

Sonetto romano … su Marte

Un Marziano, preparato ,
doppo ave’ tanto studiato,

s’è recato ner suo seggio…..
Mentre che ner seggio entrava,

nun sapenno chi vota‘,
(Marte mio, che devo fa‘ ?)

ha votato er meno peggio
(per lo meno lui penzava)!

… In realtà, nell‘Universo,
ogni voto è controverso:

ce sta’ er voto qualunquista,
como quello più egoista

(che po’ esse antifascista,
come puro europeista)! ….

Nun se vota pe’ la gente
e nemmeno pe’ l‘ambiente!

Ma… chi vince è delegato
a decide der Creato!….

Senza ‘n senso der decoro,
chi comanna pija tutto ,

(manco lascia l‘usufrutto!).
Però …. li mortacci loro!!!

 

 

Back to top button