Politica

Blu-bloc a Roma, guerriglia urbana

Grave manifestante a cui è esploso un petardo in mano. Slogan duri contro il governo e la precarietà del lavoro

Roma, 12 aprile 2014 – ANSA 19:24 NEWS  – Pomeriggio di guerriglia nel centro della Capitale. Il corteo degli antagonisti (indetto dai ‘Movimenti Sociali contro la Precarietà e L’Austerity’) era cominciato in modo pacifico, ma poi dopo un lancio di oggetti, bottiglie e petardi contro i blindati sono iniziati gli scontri e infine le cariche. Gli incidenti più gravi sono avvenuti in via Veneto, nei pressi del ministero del Welfare, e in via del Tritone. Si contano una decina di manifestanti feriti. Uno è grave: ha perso la mano dopo l’esplosione di un petardo. Feriti anche venti agenti, tra cui un funzionario di polizia.

Per gli scontri sono state fermate sei persone. Lo fa sapere il Viminale aggiungendo che la situazione continua ad essere seguita con la massima attenzione e il ministro dell’Interno Alfano e il capo della polizia Pansa sono in constante contatto.

Non più black bloc ma forse blu-bloc. Le azioni nel corso del corteo a Roma sono stati portate avanti da un gruppo di manifestanti che non indossavano la “classica” felpa nera con cappuccio ma dei k-way e giacche a vento blu. Finite le azioni i manifestanti si sono tolti le giacche a vento lasciando in terra un tappetto di kway blu, soprattutto lungo via del Tritone.

Le parole d’ordine degli attivisti durante il corteo: “No al jobs-act”, “Più reddito per tutti” e una mobilitazione contro il governo Renzi e il piano-casa approvato da palazzo Chigi. 
Slogan duri contro l’esecutivo e la precarietà del lavoro e book-bloc – scudi di gommapiuma con i titoli di libri, tra Omero e Shakespeare -, quando il corteo dei movimento antagonisti era a piazza Barberini. Sugli striscioni si leggono frasi come ‘Casa reddito dignità’ o ‘Dalle metropoli alle Università assediamo austerity e precarietà’. Affissi sui muri manifestini che dicono ‘Potete chiamarci Neet (acronimo inglese che indica chi non studia, non lavora e non fa formazione, ndr), rimaniamo precari incazzati’.

Lancio di uova e arance contro il ministero dell’economia da parte di un gruppo di manifestanti del corteo “12a per dire no al piano casa e al jobs act del governo Renzi”. Tra i manifestanti che lanciavano oggetti c’era anche un ragazzino. Alcuni fotografi e reporter che stavano riprendendo la scena sono stati allontanati dai manifestanti con un lancio di bottiglie.

“Ribaltiamo il governo Renzi. Cancelliamo il decreto Lupi e Jobs act”. Dietro questo striscione migliaia di persone sono partite a Roma per aderire alla manifestazione dei movimenti antagonisti contro il governo e il decreto casa. Alla manifestazione, tra le bandiere, ci sono anche quelle di No-tav e No-Muos.

sotto galleria fotografica

{gallery}blublock{/gallery}

Back to top button