Poesia

Comme ‘o mare – Due riconoscimenti letterari per la nostra Gabriella Tomasino

tomasino premio molinello 2015Roma, 20 Marzo – Due nuovi prestigiosi riconoscimenti letterari vanno ad arricchire il palmarès della signora Gabriella Tomasino, collaboratrice della testata “www.attualita.it”  su cui i lettori da tempo hanno modo di apprezzare i suoi componimenti in versi (anche se lei ripete spesso che a essere chiamata  “poetessa” proprio non ci si trova): Gabriella ha infatti recentemente vinto il premio internazionale letterario “Diciamolo con… la Poesia”  – tenutosi a Roccarainola (nei pressi di Napoli) e giunto alla quarta edizione – nella sezione “Lingua napoletana”, ricevendo anche il premio per la poesia più votata e a breve distanza di tempo ha ottenuto il Diploma d’onore al premio letterario internazionale “Il Molinello” svoltosi a Siena;  per dare un’idea del prestigio di tale riconoscimento, basti dire che “il Molinello” si fregia delle Medaglie del Presidente della Repubblica, del Presidente del Senato e della Presidente della Camera dei Deputati. Al premio “Diciamolo con…la Poesia” Gabriella partecipava con un componimento intitolato “Comme ‘o mare” che riportiamo di seguito: «È una poesia che ho composto passeggiando sul molo di Napoli – spiega l’autrice – un po’ di nostalgia per le mie origini c’è sempre anche se poi è da tanti anni che sono lontana e questo scrivere in dialetto è molto difficile, spesso si scrive il suono ma non è cosi. Ci sono delle regole, io seguo la scuola classica di Eduardo Scarpetta e De Filippo e infatti mi dicono spesso che ho un frasario un pochino arcaico ma non è così. Il dialetto è classico e non contano le evoluzioni  che sono seguite negli anni, snaturandolo».

 

“Comme ‘o mare”  

Cumm’ è niro ‘stu mare chesta sera,

me pare assaje cujeto,

nu raggio argiento l’accarezza

e stu spettacolo annanze a mme

fa sta zitta ll’anema.

Me scippa ll’uocchie ‘a luce

‘e chesta luna

ca veco ‘n coppa, ‘n cielo,

chieno ‘e tante stelle.

Io cammino ‘n coppa ‘a  riviera

e vveco ‘è vvarche d’e piscature

chiene ‘e rezze chesta sera,

pare dormono cujete ‘n coppa all’acqua.

St’aria càvera è ‘na carezza ‘n copp’a faccia

ca me sconceca stu core,

pare ‘na voce ca sento,

comma vulesse parlà stu viento.

Vularria sèntere overo

‘e pparole d’o viento,

ca saccio ammiscate e sperdute pè ll’aria.

Suspirano appriesso a mme,

ca parlo ‘e pparole d’a notte,

ca so ddoce e so amare.

‘E penzo tutte e juorne:

so’ pparole d’o core,

quanno penzo a tte.

GabriellaTomasino@DirittiRiservati

Guarda anche
Close
Back to top button