Cultura

Nuvole

Sonetto Romano

Nuvole

Sonetto Romano

So fatte de na cosa pari a gnente
che in aria, ce galleggiano leggere,
a vorte bianche a vorte tutte nere
come penzieri impressi ne la mente.

E minacciose come le chimere
ammischiano er passato cor presente
e trasportate ‘n braccio a la corente,
so der destino cupe messaggere.

A vorte ce potrai vede’ ‘n veliero
o facce d’ogni ceto e d’ogni foggia,
avvorte dar mantello der mistero.

E quanno che s’affacciano a la loggia
de ‘n celo diventato tutto nero,
ce innonnano de lacrime de pioggia.

Ma pe chi bene alloggia,
nun ce sta temporale che lo bagna
nun vede lacrime e nun sente lagna !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

 

Guarda anche
Close
Back to top button