Cultura

MUSEO VIGAMUS – Il 13 dicembre Christmas Party a Via Sabotino 4

Un sabato virtuale

vigamus academy

Roma, 9 dicembre –  La Fondazione Vigamus, nata per proteggere l’eredità culturale legata ai videogiochi, un  medium movimentato da un’incessante evoluzione narrativa, estetica e tecnologica,  ha iniziato la sua attività promuovendo l’omonimo Vigamus –  Museo del Videogioco di Roma, primo Museo italiano  dedicato a questo medium.

Inoltre, ha da poco inaugurato il primo anno accademico della  Vigamus   Academy con Link Campus University, un nuovo corso di laurea triennale indirizzato al mondo del lavoro nell’industria del videogioco a 360°: dal marketing alla comunicazione, all’art director (www.vigamusacademy.com).
Mostre, conferenze, seminari, presentazioni ufficiali e giornate a tema caratterizzano Vigamus, museo dedicato al gioco elettronico, non solo nella specifica funzione di luogo di conservazione,  ma, secondo quanto avviene nel resto del mondo ormai da decenni, di vitalissimo  spazio dinamico e innovativo, con 40 postazioni free to play collocate in apposite aree interattive e corner  messi   a disposizione dei visitatori.

Patrocinato dal Comune di Roma Capitale ed  inserito nel circuito ufficiale di promozione dei Musei di Roma, lo spazio museale ha aperto al pubblico nel mese di  ottobre del 2012 e nei primi 20 mesi di attività ha registrato oltre 44 mila presenze, con picchi di quasi 1000 persone nei giorni in cui sono stati organizzati eventi di punta.

Tra le altre iniziative il museo ospita in questo periodo la mostra intitolata “E.T. The Fall: i tesori sepolti di Atari” dedicata al crollo dell’industria del videogioco del 1983 composta da alcuni degli oggetti rinvenuti negli scavi nel deserto del New Mexico dove erano state sepolte tra l’altro le cartucce di “E.T. The Extraterrestrial” per Atari 2600, che fu considerato il titolo interattivo peggiore della storia, capace di aver scatenato  la caduta dell’intera industria. Naturalmente, l’augurio è che sia selezionato per il pubblico più giovane un percorso scelto che segnali come poco educative  le eventuali presenze di materiali che sottolineino aggressività e violenza e interferiscano pericolosamente con i percorsi formativi dei giovani.

Sabato 13 dicembre nelle sede di Roma ( via Sabotino 4 ), si svolgerà Christmas Game Party, un  pomeriggio interamente  dedicato   al pubblico che potrà partecipare a tornei a premi per grandi e piccoli, proiezioni e tavole rotonde.

I presenti potranno accedere alle oltre 40 postazioni di gioco che permettono di provare i titoli che hanno fatto la storia del videogioco oltre alle più recenti tecnologie nel campo del gaming, e vivere l’esperienza della realtà virtuale nella Oculus Room, l’unica sala permanente al mondo aperta ai visitatori dove è possibile provare  il visore Oculus Rift per vivere l’esperienza della realtà virtuale. Si tratta di un device rivoluzionario, comodo e user frendly, che rende concrete le impressioni. La Oculus Room mette a disposizione quattro postazioni interattive per provare un’intera gamma di esperienze virtuali, dai rollercoaster allo spazio profondo.

Per l’occasione, il pubblico potrà  visitare il museo con biglietto ridotto e conoscere da vicino tutti i suoi contenuti e iniziative.  Inoltre potrà assistere alla proiezione di un film di animazione e partecipare ad una tavola rotonda con esperti del settore.

Al party di sabato 13 dicembre parteciperanno anche ospiti noti del mondo dello spettacolo tra i quali l’attrice e scrittrice Sabrina Paravicini e Flavio Parenti, che parallelamente alla carriera di attore e regista lavora anche nel campo dei videogiochi.

Da anni il videogioco è al top dell’industria dell’intrattenimento globale, con un fatturato di quasi 73 miliardi di dollari, con diffusione davvero capillare  in vari Paesi fra cui l’Italia.  Forte di un ecosistema museale di straordinaria consistenza e preziosità – l’Italia possiede il 50% delle opere d’arte mondiali, che racconta la storia della nostra nazione,  oggi Roma  celebra la forma d’espressione umana più interessante del nostro tempo: il videogioco L’esposizione museale centrale contiene al suo interno 450 pezzi, corredati da più di 100 pannelli che ne illustrano il contesto storico e i retroscena. Gli oggetti presenti in sala includono i software, ovvero i giochi, e gli hardware, le macchine d’epoca, oltre a una selezione di pezzi collaterali come merchandising promozionale e giocattoli d’epoca. Sedici retrospettive video, per una lunghezza di oltre 200 minuti, permettono ai visitatori di vedere e sentire in prima persona i videogiochi.

Di recente, Vigamus ha formalizzato un accordo di  partnership con Romics, la seconda fiera di comics & games in Italia per affluenza, che ha registrato più di 135.000 visitatori nella sua scorsa edizione, che la impegna ad adempiere all’intera organizzazione dell’area videogiochi del Romics, il gamevillage, che unisce passato, presente e futuro dell’intrattenimento elettronico.

Calendario dell’evento di sabato 13 dicembre

15:00     Inizio Christmas Party

15:15     Torneo a premi per le famiglie – Super Mario Kart 8 (Wii U)

17:00     Buffet di rinfresco

17:30     Premiazione torneo e tavola rotonda presieduta da Marco Accordi Rickards, direttore VIGAMUS e VIGAMUS Academy

18:15     Torneo ospiti – PES 2015 (PS4)

18:30     Proiezione del film di animazione

20:00     Saluti e chiusura Christmas Game Party

Siti per approfondimenti: www.vigamus.com

https://www.facebook.com/VIGAMUSROME/photos_albums) e dai numerosi video disponibili sulla pagina ufficiale di youtube (http://www.youtube.com/user/Vigamus).

Tags

Guarda anche

Close
Close