Cultura

L’arbero de mele

L’arbero de mele

Er Monno è ricamato de promesse
Come qualunque arbero de frutta
Tutto fiorito quanno che dev’esse’
E a piena estate quarche mela brutta.

Aveva cominciato er Padreterno
A fa’ promesse grosse pe’ addavero
A di’ :”Fijetto mio guardate ‘ntorno”.
E Lui si sa com’era; era sincero.

“Questi so’i Mari e questi so’ li Monti
E ce poi fare quello che te pare
Ma se te sbagli un poco co’ ‘sti Conti
Capace che te tocca lavorare.

Questa invece è ‘na mela, m’hai capito?
Lassala pérde’, che lo so io perché,
(nun te venisse mai de mètte’ ‘n dito)
te lasso l’antri frutti solo a te”.

“Padre, je disse l’omo con rispetto,
i patti sono patti e ce lo so,
de mantene’ l’accordo te prometto,
che se me cacci, dimmi, indove vo?”

Ogni promessa è debbito, lo sai,
è come ‘na cambiale senza data
la paghi con un carico de guai;
senza sape’ nemmeno s’è scaduta.

Come ‘sta storia se ne va a finire
Noi lo sapemo e lo sapete voi
Er risultato, è facile da dire,
se vede doppo, sarebbe a dire poi.

©Francesco.D’Agostino©diritti riservati©

Tags
Close