Cultura

L’amore e libbertà!

Sonetto romano

L’amore e libbertà!

Sonetto romano

Arivo’, sto batuffolo d’amore
che stava tutto quanto in una mano
e sto pelusce a poco e piano, piano,
ormai m’ha fatto er nido drento ar core.

Che si lo guardo stò de bonumore
e poi me manca quanno sto lontano,
sta cosa devo ddi’, che me fà strano
che quasi ‘n guardo più er televisore.

Ma er gatto mio, nun vive carcerato
l’amore nun cià muri, né dogane,
lui esce e entra da quann’è arivato.

Se ‘n giorno nun dovesse ritorna’,
ce soffrirò sicuro come ‘n cane,
ma l’avrò amato sempre in libbertà !

© Pasquinaldo©DirittiRiservati©

 

 

Back to top button