Trattative

0
43

dagostino p colonna montecitorio 15 03 18
Trattative
N’ te la solennità de ‘sto momento,
mentre tutti se vanno appiccicando*;
ce se capisce poco, e pure a stento:
“Fanno er Governo o stanno cazzeggiando?”
Pare che Tizio nun vo’ parla’ a Di Maio;
Petronio ha detto gobbo (e stronzo) a Tizio;
Nissuno vo’ senti’ parla’ de Caio;
Nun liticheno pe’amore, ma pe’ vizzio.
Famo che ‘n governicchio l’inventamo
Giusto pe nun dove’ fini’ cor cruccio
Che mentre passa er tempo e litigamo;
nnamo a finire come don Falcuccio**.
Lassate perde’, nun è cosa bbona
‘nventasse ‘n Governo insufficente
Nun aspettamo er piffero che sona
Pe’ corre’ tutti appresso a ‘n deficiente;
si gguardi bene semo ‘n mano a’ pazzi:
tanto riforme e costano ddavero;
a fa’ li conti, te dico che so’ cazzi;
mica le ponno fare a costo zero.
 
* venendo alle mani.
**A Roma don Falcuccio è noto per essere finito
con una mano avanti ed una dietro
(praticamente, ha perso tutto).
 
©FrancescoD’Agostino©diritti riservati©