Cultura

La Notte de San Lorenzo

Sonetto romano

La Notte de San Lorenzo.
Sonetto romano

Eppure quest’anno nun c’è stata
avoja a scrutà er celo ne la notte
e ciò passato tutta la nottata,
ma solo scie, lassate da le rotte.

E mò a chi li lasso li desideri,
li sogni, le speranze, l’ambizzioni ?
Me restano sortanto li penzieri
che portano più amare concrusioni.

Me sà che devo annà da l’oculista
o forze se ce stava meno luce,
na stella che cascava l’avrei vista
o quarche segno che la riconnuce.

Ma chi ce vò più crede a ste storielle
mejo rimanè co li piedi a tera,
s’aspetti che t’aiutano le stelle
beato chi ce crede e chi ce spera!

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button