Cultura

L’ Apertura

Sonetto Romano

L’ Apertura

Sonetto Romano

Nun dico da volesse sempre bene,
perche’ sarebbe solo ipocrisia,
ma a piasse mo a cazzotti nun conviene
margrado che nun regni l’armonia.
Che si c’entramo tutti ne sta guera
rischiamo da fini’ a culo pe tera.

-“ La pace, fratellanza e liberta’,
mettetece li fiori nei cannoni” -!
So frasi sempre fatte ma se sa’,
che a credece so solo li cojoni.
Usate solo pe fa la retorica
com’ogni musa o poesia allegorica.

Bisogna mo assettacce a ‘n tavolino
e ognuno sopra ce metta quarcosa,
lassanno perde da portacce er vino
che da ‘mbriachi, doppo e’ assai rischiosa.
Che tanto semo tutti collegati
dar rischio de fini’ mortammazzati.

Perche ’ la vita sfugge da le mani
e soffia come ‘n vento de tempesta
e quello che c’aspettera’ domani,
potrebbe esse che nun sia na festa.
E quanno er conto l’oste avra’ portato,
speramo che nun sia troppo salato !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button