Cultura

Sbirro

dagostino Er Monnezza sbirro 30 03 2017

Sbirro

Chiamalo sbirro. Ije po’ frega’ de meno,
lui fa er lavoro suo co’ tanto impegno;
sei tu che ce voi mette’ ‘sto veleno,
ma drento er core suo nun lasci segno.
Se sa che birbaccioni e delinquenti
Cor dente avvelenato, poverelli,
c’hanno ‘na vita fatta de momenti
ch’è stronzo di’ che so’ momenti belli:
manette, gabbio, processi e la figura?
Quanno ch’er fijo tuo te dice: “A pa!’”
Te guarda co’ quell’espressione dura
E un jie riesce manco de parla’.
Perché hai da capi’ ch’annanno a scola
Li compagnucci sua, che so’ fetenti,
Ije fanno capi’ na cosa sola:
nun so’ graditi li padri delinquenti.
Perciò ripenzace e cerca ‘na parola
Che nun t’offenda solamente a dilla
Chimalo coso, robbo , Mastro Cola,
si proprio ‘sto cervello un te scintilla,
perché s’è mastro Cola che t’aresta
poi di’ parlanno liscio e senza peli
che t’ha portato ar fresco è ha detto:”Resta,
‘n vacanza qua, a Regina Coeli.”
Quanno che dici sbirro pija de fiato
Nun fai bella figura, anzi, pe’ gnente;
È come chi è contento che è malato,
Chi parla come un vecchio delinquente.

FrancescoD’Agostino@DirittiRiservati” 

Tags
Close