Cultura

Incubo elettorale notturno

Sonetto romano

Incubo elettorale notturno

Sonetto romano

Questa notte me sognavo
l’elezzion presidenziale…..

Quando nun me l’aspettavo,
titolone sur giornale :

“Casini ar Quirinale,
pe’ durata settennale!”

Me svejai de soprassarto
(la notizzia era da infarto)!

…A quell’ora de la notte
(un orario da mignotte)

me trovai tutto sudato
e assai preoccupato:

era ‘n segno der destino
ispirato dar Divino? …

M’assali’ un dubbio atroce!
Era lui, Píer Ferdinando,

quello che stavo sognando?
… Ner silenzio udii ‘na voce

(me sembrò der Cavaliere) :
“Mi consenta, sognatore,

nun vorei da’ ’ndispiacere;
forse avrà capito male ,

ma così Lei fa un erore
che me sembra abissale!

Lì, i casini, l’apro io …
quanno er Colle sarà mio!!!

©Pasquinaldo©DirittiRiservati©

Back to top button