Cultura

 Ficacchio (Stornello)

 Ficacchio (Stornello)

Tutto de botto me so’ trasformato
che sarvognuno, nun ce credo ancora,
da storto, secco e tutto malannato
risplenno più’ dell’Alba e dell’ Aurora.
A pezzo a pezzo e piano, piano
m’hanno addobbato, come ‘n Faraone,
che rubbo l’occhio pure ar Vittoriano
davanti a lui, ce faccio ‘n figurone.
Co luci, palle e strenne in quantità’
me prenno tutta quanta l’attenzione,
ormai de tutta quanta la città’.
E mo’, chi m’aveva tanto cojonato,
dicenno ch’era peggio de l’artr’anno
po pure anna’ così’, a moriammazzato.

(ErnestoPietrella©DirittiRiservati)
Guarda anche
Close
Back to top button