Cultura

La Crisi

Sonetto romano

La Crisi
Sonetto romano

Certo che nun se famo mancà gnente
tra li rincari e fochi in sempiterno,
ciariva mó sta crisi de governo
drento ‘n estate mai così bollente.

Chissà se sortiremo da st’inferno
ch’avvorge ne le fiamme ‘sto presente,
brucianno le speranze de la gente
ch’aveva arifiatato ne lo sverno.

Avoja a stà a pregà madonne e santi
pe facce vive armeno co decoro,
co tutte ste rinunce pe annà avanti.

Cor gasse che ce costa come l’oro
pe nun parlà de l’artri carburanti,
ce magneremo limortacciloro !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button