Cultura

Er Carvario

Sonetto Romano

Er Carvario
Sonetto Romano

 

Sale piagato sur monte Carvario
sangue e sudore je gronnano addosso
e su la cima è già pronto er sipario,
cani rabbiosi che mordeno l’osso.
E tutt’attorno chi insurta e chi ingiuria,
su ‘n innocente s’avventa la furia.

Sopra le spalle se porta na croce
e su la testa, ‘n diadema de spini,
nun c’è nessuno che l’arzi na voce
che fermi la mano de quell’aguzzini.
Nun cia penzato nemmeno Pilato,
ch’è stato er primo che se n’è fregato.

De tutti quelli che c’aveva attorno
mentre ch’avanza nun c’è più nessuno,
da quer cammino nun c’è più ritorno
se guarda intorno e nun ce n’è uno.
Solo na donna dar vorto velato,
se piagne er fijo, cor core strazziato.

‘N fonno parlava de pace e rispetto
de fratellanza tra popoli e razze,
tutti riuniti in un Monno più retto
senza più muri ma sortanto piazze.
Senza più botti né venti de guera,
ma solo luce che irradia la tera.

Quer sacrificio ner sangue verzato
avrebbe dovuto insegnacce amore,
ma noi quer sangue l’avemo ignorato
se ancora adesso de guera se more.
E se na vorta ciaveva sarvato,
chissà se ancora ciavrà perdonato !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button