Cultura

Estate

barca mare

Estate

 Il lume pallido del riverbero
 tra la luce e l’ ombra…

 si esce dal fuoco
 e si ritorna all’ acqua

 Specchia i tuoi occhi
 nell’ acqua
 e trovami
 specchio dei sogni

 La luna
 presa nell’ acqua
 fra le mani

 La barca cammina lenta
 in odissee impensate

 sussurra brevi melodie

 teoria di ricordi
 riporta lieve
 nell’ arca dei sogni

 E non lasciano l’ approdo
 i grandi fari
 che accendono
 la lunga notte
 dell’ attesa

 Ferma tra i flutti
 sta la mia speranza

 bambina bizzarra
 figlia di giochi
 intraprendenti

 bizzarro fuoco
 il tremolio dell’ acqua
 quando scintilla
 accanto a lei
 il pensiero

 ma la bambina
 torna a farmi compagnia
 quando la brezza
 abbassa il suo frontale

 e i ricordi richiamano i ricordi

 Giorni incontrati piano
 su questo asfalto nero

 che non somiglia
 a terra bagnata
 e poi baciata
 dal tuo sole

 al caldo incontro
 di viti tiepide
 con fruste arcane
 fatte di sudore

 Giorni colmi
 di sentimenti  puri

 quando ancora
 tra il cemento

 un uomo stanco
 siede ad osservare
 un fiore che prende
 il suo colore

 Terra pietrosa
  ti vedo
  dalla mia finestra

  sotto fili
  di grano arido
  per sete antica

  Antiche mete
  ti sostengono
  quando tutto sembra
  abbandonare i sogni

  Con voce di ricordi
  e di canti sacri e profani

  ritorni ad imbiondire gli occhi
  di chi intrecciò anni
  nel verde melograno
  e a te ritorna

PatriciaLolli@DirittiRiservati

Back to top button