Cronaca

Trascorrevano il tempo lanciando pietre contro un convoglio ferroviario

Roma, 7 marzo – Ieri mattina, il treno 7355 che serve la tratta Roma – Albano Laziale, giunto all’altezza del chilometro 15+00 e quindi già nel territorio di quel Comune, è stato fatto oggetto di lancio di pietre da parte di cinque giovani.

A bordo del convoglio, vi era personale  della   Polizia Ferroviaria in servizio di pattugliamento operativo che vedeva la scena. Gli agenti informavano immediatamente il loro comando, fornendo  una descrizione particolareggiata dei ragazzi.

L’immediato arrivo di altri agenti, consentiva di sorprendere i 5 che, dopo il transito del treno, stavano ancora lanciando dei sassi contro un segnale della linea.

Alla vista dei poliziotti, i giovani si davano alla fuga ma in tre venivano raggiunti e bloccati. A terra, veniva ritrovato  un giacchetto abbandonato sul posto, nella fuga, dal quarto giovane con  nell’interno i suoi documenti di identità.

I tre fermati venivano accompagnati negli uffici di Polizia dove si accertava trattarsi di quattro minorenni, di età compresa tra i 15 e 16 anni, abitanti a Ciampino, i quali avevano “marinato” la scuola e stavano trascorrendo così  il tempo  per poi fare rientro a casa.

Dopo l’affidamento ai genitori, i quattro sono stati denunciato al Tribunale per i Minorenni per il reato di “attentato alla sicurezza dei trasporti” nonchè per “danneggiamento”  in quanto alcune vetture, colpite dalle pietre, fortunatamente avevano riportato solo lievi graffi alla carrozzeria.

Sono in corso accertamenti per identificare anche il quinto giovane.

Back to top button