Cronaca

Quattro arresti e 12 persone denunciate a piede libero è il bilancio del controllo nel quartiere Quarticciolo

Carabinieri RomaROMA –È di 4 persone arrestate e di altre 12 denunciate a piede libero, imputate  a vario titolo, di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti, rapina impropria, ricettazione, falsità materiale, uso di atto falso, appropriazione indebita, furto, false dichiarazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità e reati inerenti l’immigrazione il bilancio del massiccio dispositivo di controllo nel quartiere periferico del  Quarticciolo finalizzato al contrasto di ogni forma di illegalità effettuato nelle ultime 24 ore dai Carabinieri della Compagnia Roma Casilina, comandata dal Maggiore Domenico Albanese, coadiuvati dai colleghi dell’8° Reggimento “Lazio”.

In particolare, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste, al culmine di un servizio di osservazione e pedinamento, hanno sorpreso due pusher romani di 19 e 22 anni mentre, in via Ostuni, si apprestavano a recuperare degli involucri in cellophane, contenenti decine di dosi di cocaina, che avevano preventivamente sotterrato tra le piante di un giardino pubblico. Quel nascondiglio permetteva loro di effettuare i traffici “in sicurezza” e senza dover trasportare le dosi in tasca, eludendo così eventuali controlli delle forze dell’ordine. Gli spacciatori sono stati trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

Il terzo arresto è stato eseguito dai Carabinieri nei confronti di un 30enne pugliese che, scoperto dalla titolare di un negozio di casalinghi di via dei Platani a trafugare merce varia dagli scaffali, l’ha spintonata facendola cadere a terra per assicurarsi la fuga. I militari lo hanno acciuffato recuperando e restituendo la refurtiva alla proprietaria, una cittadina cinese di 55 anni, che, oltre allo spavento, non ha riportato danni fisici.

L’ultima persona a finire in manette è stato un 48enne romano, già conosciuto alle forze dell’ordine, al quale i Carabinieri hanno notificato un provvedimento di esecuzione di un cumulo pene, con contestuale sottoposizione agli arresti domiciliari, emesso dal Tribunale di Roma.

Inoltre, 5 persone sono state segnalate all’Ufficio Territoriale del Governo quali assuntori di droghe mentre 4 sono le contravvenzioni al Codice della Strada elevate dai militari impegnati nei posti di controllo sulle principali arterie stradali della zona.

 

 

 

 

 

Back to top button